Il caso dei polpi da laboratorio 'senza diritti' negli Usa

no credit

AGI - In quanto invertebrati i polpi non hanno diritti, accusa il New York Times senza mezze misure. Per poi aggiungere: “I topi da laboratorio hanno dei diritti. Prima che i ricercatori negli Stati Uniti possano sperimentare sugli animali, hanno bisogno dell'approvazione dei comitati che assicurano che seguano le normative federali per l'alloggio e la gestione umana delle creature. Lo stesso vale per gli scienziati che lavorano con topi, scimmie, pesci o fringuelli. Questi animali protetti condividono una cosa in comune: una spina dorsale. Ma gli invertebrati nei laboratori di ricerca, inclusi vermi e api o cefalopodi come calamari e polpi, non ricevono le stesse protezioni dal governo federale. Poiché i ricercatori lavorano più spesso con i cefalopodi per rispondere a domande nelle neuroscienze e in altri campi, la questione se trattano gli animali in modo umano sta diventando più urgente”, osserva il Times.

Secondo il quotidiano, “i governi in Europa e in Australia hanno inserito nelle loro leggi questi animali intelligenti e senza spina dorsale. Ma negli Stati Uniti, "se eri in un ambiente di ricerca e volevi comprare dei polpi e fare quello che volevi fare con loro, non c'è alcuna supervisione normativa che ti fermi", ha detto Robyn Crook, neuroscienziato al San Francisco State University.

Precisa peròquotidiano: “Tutto ciò non vuol dire che la ricerca sui cefalopodi sia come il selvaggio west. Gli istituti di ricerca americani scelgono sempre di più di sottoporre i loro studi allo stesso processo di approvazione degli esperimenti su topi o altri vertebrati. Ma la mancanza di standard di cura dei cefalopodi per guidare le loro decisioni, combinata con la mancanza di una supervisione federale a sostegno, riflette come le regole e le leggi siano in ritardo comunque rispetto alla comprensione scientifica delle complesse vite interiori di questi animali”.

La levata di scudi animalista del principale newspaper Usa si basa sul principio che “come un topo da laboratorio, un polpo può imparare a navigare in un labirinto” in quanto “i polpi possono anche eseguire imprese intelligenti che i topi non possono, come travestirsi da rocce e serpenti, uscire dalle loro vasche o nascondersi all'interno di gusci di cocco” e così, “a differenza degli umani - la cui intelligenza è, per così dire, tutta nelle loro teste - i polpi portano la maggior parte del loro sistema nervoso tra le braccia".

"I loro polloni non solo si aggrappano alle cose, ma le sentono e le assaporano anche”, racconta il giornale. Ovvero, "è come se le tue mani fossero ricoperte di lingue", ha precisato Christine Huffard, biologa del Monterey Bay Aquarium Research Inst.

In un articolo pubblicato a luglio, il dottor Huffard e Peter Morse, della James Cook University in Australia, hanno dimostrato che i polpi maschi dagli anelli blu potrebbero usare il tatto per riconoscere le femmine con cui si erano già accoppiati e dopo aver urtato un ex compagno, i maschi sono fuggiti, forse per evitare di essere mangiati. “Tale ricerca suggerisce che i polpi e altri cefalopodi sono intelligenti e sensibili”, è la conclusione.

Chi è responsabile del benessere degli animali in cattività?

Nasce allora spontanea una domanda: “Ma sentono dolore come noi? Non è solo una preoccupazione ipotetica. Alcune ricerche sui cefalopodi comportano interventi chirurgici potenzialmente dolorosi, come l'amputazione del braccio di un polpo. Non possiamo semplicemente chiedere loro se fa male, però”, annota il Times.

Tuttavia, "il fatto che l'esperienza del dolore esista o meno negli animali al di fuori dei vertebrati è una proposta piuttosto controversa", ha detto il dottor Crook. In un articolo del 2021, ha mostrato che i polpi che avevano ricevuto un'iniezione di acido acetico avevano accarezzato la ferita con il becco ed avevano evitato una camera dove erano rimasti dopo aver ricevuto l'iniezione. Ma ai polpi era piaciuto stare in una camera dove avevano subito un'iniezione paralizzante dopo la prima.

La dottoressa Crook ha poi riconosciuto che la scoperta ha immediatamente cambiato il modo in cui i ricercatori nel suo laboratorio hanno anestetizzato i polpi. Ora aspettano fino a 20 minuti in più per assicurarsi che gli animali non sentano nulla. Spera che anche altri laboratori abbiano cambiato le loro pratiche.

Ciò che porta ad una seconda domanda: chi è responsabile del benessere degli animali in cattività? La risposta, negli Stati Uniti, è complicata – osserva il Times – perché “l'Animal Welfare Act, approvato nel 1966, richiede un trattamento umano di animali come primati e cani e gatti da compagnia. Non si applica ad animali da fattoria, cavalli da corsa, invertebrati, pesci o topi o topi da laboratorio.

Un'altra legge, l' Health Research Extension Act del 1985 , disciplina il trattamento di tutti gli animali vertebrati nella ricerca finanziata dal governo degli Stati Uniti. Ed “entrambe le leggi richiedono che le università e altri istituti di ricerca dispongano di un comitato istituzionale per la cura e l'uso degli animali. I comitati devono comprendere almeno un veterinario e una persona non affiliata all'istituto. Prima di avviare un progetto di ricerca, uno scienziato deve presentare una proposta al comitato della propria istituzione, che, a sua volta, deve assicurarsi che il piano dello scienziato soddisfi le linee guida federali”.

Anche perché "un polpo malsano ed eccessivamente stressato non produrrà dati utili", ha affermato il dottor Huffard. E a parte i dati, ha aggiunto, "voglio che gli animali siano felici e in salute" e “sento che dovremmo trattare tutti gli animali con un certo livello di rispetto" perché “"se le persone studiassero le canocchie nello stesso modo in cui studiano i polpi, rimarrebbero davvero sbalordite da quanto sono intelligenti", ha concluso il dottor Huffard.