Il caso del divieto dei panni stesi a Napoli: la protesta social poi la nota della Giunta

panni stesi napoli
panni stesi napoli

Dopo le polemiche suscitate dal divieto dei “panni stesi sgocciolanti” da Palazzo San Giacomo assicurano che la disposizione, definita un “eccesso di zelo” da parte degli uffici dell’avvocatura, non comparirà nel Regolamento.

Napoli, “Divieto di panni stesi gocciolanti”

Napoli – C’è una norma – tra quelle previste previste nel Regolamento per Movida e Decoro – ora in esame in Giunta comunale e che dovrà poi passare al vaglio del Consiglio Comunale che ha già suscitato una serie di polemiche e reazioni social  ancora prima di essere approvata.

Ci riferiamo alla norma che alla lettera “E” del nuovo Regolamento di Sicurezza urbana del Comune – ricordiamo da approvare in consiglio comunale – afferma che: “A tutela dell’igiene pubblica e del decoro è vietato stendere o appendere biancheria, panni, indumenti e simili al di fuori dei luoghi privati, nonché alle finestre, sui terrazzi e balconi prospicienti la pubblica via quando ciò provochi gocciolamento sull’area pubblica”.

Polemiche e reazioni social

Una norma che, inutile sottolinearlo, è risultata come un colpo al cuore per chi identifica Napoli anche con quell’immagine popolare dei vestiti appesi sui fili tra i palazzi o nei balconi. Quasi un simbolo della vita che traborda nei vicoli di una città unica al mondo. E che ha suscitato polemiche a non finire, compreso l’apposito hashtag di protesta“#iostendo“.

“La norma non comparirà nel Regolamento”

E se non ci soffermiamo troppo su tutto il polverone nato intorno a questa norma – che di fatto ha poi oscurato altre decisamente più importanti dal punto di vista del decoro e della sicurezza – è perchè la stessa è stata già fortemente ridimensionata.

Da quanto riporta questa mattina Repubblica infatti “Già nella notte, mentre montava sui social il singolare caso ‘Panni stesi’, pare che il sindaco Manfredi chiamasse i suoi uffici per dire che quella misura era pleonastica. E che non poteva restare nella bozza”.  Qualche ora fa ” La conferma: fonti di Palazzo San Giacomo assicurano che la disposizione, definita un ‘eccesso di zelo’ da parte degli uffici dell’avvocatura, non comparirà nel Regolamento.

La nota della Giunta

Di seguito la nota della Giunta : “La sicurezza urbana è una priorità di questa amministrazione – premette l’ufficio del sindaco – Esclusivamente questo tema sarà oggetto, come annunciato quando fu emessa un’ordinanza ora in scadenza, di un apposito regolamento da approvare in giunta per poi essere sottoposto al vaglio delle Commissioni competenti e poi del Consiglio comunale. Quanto alle misure relative al Decoro Urbano, pur necessarie per restituire un volto degno alla città lasciata nel totale degrado negli ultimi anni, non entrano in questo regolamento“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli