Il caso Serena Mollicone, 18 anni di ombre e depistaggi

angela nicoletti

Dal giorno dell'omicidio di Serena Mollicone, la studentessa diciottenne di Arce trovata morta nel giugno del 2001, sono passati esattamente diciotto anni e un mese. Un lasso di tempo costellato di lacrime, dolore, appelli, speranze e poi delusioni vissute dal padre Guglielmo e dalla sorella Consuelo. Diciotto anni di depistaggi e richieste di archiviazione per un'indagine che sembrava essere archiviata dopo l'assoluzione con formula piena nel giugno del 2006 del povero Carmine Belli, carrozziere di Rocca d'Arce, arrestato nel 2004 con l'accusa di aver assassinato la giovane e che per 18 lunghi mesi è rimasto in cella di isolamento gridando la propria innocenza.

Belli fu vittima di uno dei tanti depistaggi che, secondo la Procura, furono attuati dai veri responsabili dell'omicidio. Oggi, quelli che per magistratura e carabinieri (nel 2011 viene istituito un pool di investigatori dell'allora comandante provinciale dei carabinieri di Frosinone, il colonnello Antonio Menga, e concluse grazie al colonnello Fabio Cagnazzo, attuale comandante provinciale dell'Arma nella provincia ciociara) erano solo sospetti, sono divenuti realtà con la richiesta di rinvio a giudizio per il maresciallo Franco Mottola, la moglie Anna Maria, il figlio Marco ed il maresciallo Vincenzo Quatrale, per il reato di concorso nell'omicidio di Serena Mollicone; per il solo Quatrale, per il reato di istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi; per l'appuntato Suprano, per il reato di favoreggiamento.

L'omicidio

Come gridato dal padre per 18 anni, quel giorno di giugno del 2001 Serena Mollicone si reca nella caserma dei carabinieri di Arce con le proprie gambe. Il motivo la procura di Cassino non lo rende noto ma si ipotizza che la ragazza dovesse incontrare Marco Mottola, suo coetaneo e figlio dell'allora comandante. Una volta all'interno accade (come ricostruito dalle indagini dei Ris e dagli accertamenti dell'Istituto di Medicina Legale di Milano dove il corpo di Serena, una volta riesumato, è stato studiato per oltre un anno e mezzo) i due ragazzi litigano.

Parte uno schiaffo che fa sbattere violentemente la parte occipitale di Serena contro la porta di un alloggio in disuso. La ragazza perde i sensi e perde sangue dall'orecchio. Scatta il panico e intervengono il maresciallo e la moglie. Il corpo di Serena viene spostato su un terrazzino coperto e lontano da occhi indiscreti. Sulla testa della ragazza verrà infilato un sacchetto poi sigillato con del nastro adesivo. Serena però non e' morta. Serena poteva essere salvata. Serena morirà, come confermato dall'autopsia, sei ore dopo il colpo alla testa. Morirà soffocata.

Le indagini

Dall'anno 2006, data dell'assoluzione definitiva di Carmine Belli, sono riprese le indagini sull'omicidio di Serena. Nell'anno 2011 il procedimento è stato iscritto a carico dei Mottola ed altri soggetti, le posizioni di questi ultimi poi archiviate dal Gip, mentre per i Mottola proseguivano le indagini. Furono svolti accertamenti prevalentemente tecnici, sia di tipo genetico/biologico, dattiloscopico ed in materia botanica, comprensivi di comparazione tra i profili genetici di centinaia di persone, ma, per mancanza di prove certe, questo ufficio provvide, in data 18 febbraio 2015, a richiedere l'archiviazione del procedimento. In seguito all'atto di opposizione dei familiari della vittima, il Gup del Tribunale di Cassino, Angelo Valerio Lanna, ha disposto, il 13 gennaio 2016, il proseguimento delle indagini, indicando quale tema di approfondimento l'ipotesi investigativa dell'evento omicidiario all'interno della stazione dei carabinieri di Arce. 

Grazie alla rivisitazione approfondita e sistematica di tutti gli atti procedimentali, svolta con la collaborazione del Comando Provinciale dei carabinieri di Frosinone, alla riesumazione del cadavere e all'applicazione di tecniche all'avanguardia, sia ad opera della professoressa Cristina Cattaneo, del LABANOF dell'Istituto di Medicina legale di Milano che del RIS dei carabinieri di Roma, la procura ritiene di aver provato che Serena Mollicone è stata uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce, con una spinta contro una porta, data la riscontrata perfetta compatibilità tra le lesioni riportate dalla vittima e la rottura di una porta collocata in caserma; parimenti è stata accertata la perfetta compatibilità tra i microframmenti rinvenuti sul nastro adesivo che avvolgeva il capo della vittima ed il legno della suddetta porta, così come con il coperchio di una caldaia della caserma.

In tal modo, per la prima volta, hanno trovato riscontri oggettivi le dichiarazioni rese il 28 marzo e il 9 aprile 2008 dal brigadiere Santino Tuzi, nel 2001 in servizio ad Arce, il quale affermò di aver visto, la mattina del 1 giugno 2001, Serena Mollicone entrare in caserma e di non averla piu' vista uscire. In seguito alla richiesta di nuove verifiche da parte dei familiari del brigadiere Tuzi, è stata disposta nel maggio 2016 la riapertura delle indagini (coordinate dal sostituto procuratore Alfredo Mattei) relative alla sua morte, con nuovi accertamenti che hanno evidenziato che il suo suicidio è in stretta relazione con le sue rivelazioni sulla morte di Serena Mollicone rese pochissimi giorni prima.

È stata trascritta per la prima volta una conversazione ambientale nella quale il maresciallo Quatrale, presente con lui in caserma la mattina del 1 giugno 2001, lo invitava esplicitamente a ritrattare le precedenti dichiarazioni. Durante i nuovi accertamenti si è proceduto all'ascolto di 118 testi, molti dei quali ponderatamente scelti tra i 1137 piu' volte già sentiti nel corso dei 18 anni di indagine; sono state effettuate rogatorie in Francia, Polonia e Stato del Vaticano. Le parole del procuratore: "Pertanto si ritiene che le prove scientifiche, insieme con le prove dichiarative - hanno dichiarato il Procuratore Capo Luciano d'Emmanuele e il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo - consentano di sostenere con fiducia l'accusa in giudizio".