Il Castello di Peveril, emozioni nel cuore dell’Inghilterra

castello di peveril

Le imponenti rovine del Castello Peveril (noto anche come Peak Castle o Castleton Castle) si ergono sopra l’incantevole villaggio di Castleton nel Peak District del Derbyshire. Si tratta di una delle prime fortificazioni normanne in Inghilterra, menzionata perfino nel Domesday Book del 1086, una documentazione manoscritta del “Grande Rilievo” di gran parte dell’Inghilterra e di parti del Galles create per ordine di Guglielmo il Conquistatore.

Per moltissimi anni il castello fu dimenticato, ricoperto col tempo da una vegetazione lussureggiante. Le prime attività di pulizia e di interventi di conservazione minore furono eseguiti nel XIX secolo. Fortunatamente, oggi, con l’aiuto delle tasse dei visitatori, questo monumento di notevole valore storico viene correttamente conservato e, si spera, salvato per le generazioni future.

Le prove materiali scoperte finora sul sito, insieme ai documenti scritti dell’epoca, mostrano chiaramente che il castello fu probabilmente costruito tra il 1066 e il 1086.

castello di peveril

Castello di Peveril, prende il nome dal fondatore

A differenza delle prime fortificazioni normanne, che furono inizialmente costruite in legno, il castello di Peveril fu costruito in pietra. Prende il nome dal suo fondatore, William Peveril, un cavaliere normanno strettamente legato a Guglielmo il Conquistatore. Gli fu conferito il titolo di ufficiale giudiziario dei Royal Manors of the Peak dopo la conquista normanna del 1066.

Alcuni storici e ricercatori ritengono che Peveril fosse in realtà un figlio illegittimo di Guglielmo il Conquistatore. Ma non ci sono prove chiare a supporto di questa tesi. Il figlio di William, chiamato anch’egli William, ereditò il castello e le altre proprietà del padre. Nel 1155, Re Enrico II confiscò tutte le proprietà.

Enrico II visitò il castello in diverse occasioni e nel 1157 ebbe un incontro con il re Malcolm di Scozia presso il sito. Il possente mastio quadrato presente nella struttura fu eretto proprio da Enrico II nel 1176. Il castello passò poi nelle mani del duca di Lancaster nel 1372, che non lo usò spesso. E senza una corretta manutenzione, iniziò a cadere in rovina.

castello di peveril

Panorami mozzafiato e passeggiate incantevoli

Nel diciassettesimo secolo, il mastio veniva utilizzato come tribunale locale. Questa pratica fu presto abbandonata e, a poco a poco, cadde quasi completamente in rovina fino a quando, i resti sopravvissuti furono restaurati nel corso del XX secolo. Il mastio domina la cima della collina. Sui suoi due lati si possono ancora vedere parti del rivestimento originale in graniglia. Attualmente, i suoi resti, incluso il garderobe (un esempio di gabinetto medievale) e una piccola camera con finestre arrotondate, non possono essere esplorati per via di vasti lavori di conservazione.

Anche se gran parte del castello è in rovina, vale ancora la pena salire per le rovine. Le strutture sopravvissute al passare del tempo sono straordinarie e raccontano silenziosamente la storia del castello e della regione. La passeggiata intorno è semplicemente incantevole. Il sito si trova sulla cima di una collina che offre viste panoramiche mozzafiato sul villaggio sottostante e sulla campagna circostante, tra cui Hope Valley e Cave Dale.

Nel Visitor Center si possono trovare alcuni schermi interattivi che raccontano la storia del Castello di Peveril, utilizzato come centro amministrativo della Foresta Reale di High Peak, una zona di caccia reale fin dall’XI secolo, spesso apprezzata dai re normanni e dai loro cavalieri. In effetti, il castello fu costruito principalmente per controllare la Foresta Reale di High Peak.

  • Pappalardo: "Io denunciato? Li denuncio io"
    Notizie
    Adnkronos

    Pappalardo: "Io denunciato? Li denuncio io"

    "Io denunciato? Ma da chi? Da quelli che non sono neanche costituzionali? E dov'è il reato? La situazione è all'inverso, è il governo che è responsabile di reati gravissimi, altro che mascherine...". A parlare all'Adnkronos è l'ex generale dei Carabinieri Antonio Pappalardo, leader della protesta dei cosiddetti Gilet Arancioni e promotore del presidio che si è tenuto oggi in piazza Duomo a Milano per il quale si profila, secondo fonti della questura, una denuncia per violazione delle disposizioni che riguardano il Dpcm nelle parte relativa al divieto di assembramento e all'obbligo di indossare protezioni individuali per contenere il contagio del virus Covid 19. Pappalardo ce l'ha con tutti, da Conte in giù. "Sono stato a Bergamo e in Lombardia e quello che ho riscontrato è veramente vergognoso. La gente che mi ha supplicato 'Generale, ci liberi, ci stanno facendo vivere con i ceppi, non si può vivere più in queste condizioni. Denunciano me? Sono io che denuncio loro..'. In una nota poi diramata il leader dei cosidetti gilet arancioni spiega di voler denunciare anche Sala e Fontana chiedendo ai tre esponenti politici "di dimettersi dalle loro cariche entro il 2 giugno, giorno in cui il popolo si riunirà in Roma per ripristinare libertà e democrazia nel nostro Paese". Sempre nella nota Pappalardo fa presente come nella manifestazione di oggi, i cittadini hanno decretato "all’unanimità" la fine del governo "per palese violazione delle norme costituzionali" e la necessità di "approvare una nuova legge elettorale e per stampare la moneta nazionale".

  • Momoa pazzo di Denise de I Robinson da quando era un ragazzino
    Spettacolo
    DonneMagazine

    Momoa pazzo di Denise de I Robinson da quando era un ragazzino

    Jason Momoa ha confessato di essersi innamorato della moglie Lisa Bonet quando aveva solo 8 anni e lei recitava già ne I Robinson.

  • Bonus 600 euro, ecco chi lo riceverà automaticamente e chi dovrà presentare domanda
    Notizie
    notizie.it

    Bonus 600 euro, ecco chi lo riceverà automaticamente e chi dovrà presentare domanda

    Coloro che non hanno fatto richiesta a marzo e le nuove categorie previste dal decreto Rilancio hanno tempo fino al prossimo 3 giugno.

  • Omicidio Floyd, autopsia esclude morte per asfissia
    Stile di vita
    Adnkronos

    Omicidio Floyd, autopsia esclude morte per asfissia

    George Floyd non è morto né per asfissia né per strangolamento. E' quanto emerso dai risultati preliminari dell'autopsia condotta sul corpo dell'uomo. Secondo quanto si legge nel referto, "gli effetti combinati dell'essere bloccato dalla polizia, le sue preesistenti condizioni di salute (ipertensione arteriosa e problemi coronarici) e potenziali sostanze tossiche hanno contribuito alla sua morte".  Nel corso dell'arresto, lunedì sera, un agente gli aveva tenuto un ginocchio sul collo per nove minuti, durante i quali l'uomo aveva più volte ripetuto di "non riuscire a respirare", prima di morire. La famiglia di George Floyd contesta l'esito dell'autopsia condotta sull'uomo e chiede che venga condotto un secondo esame, indipendente. La famiglia dell'afroamericano morto lunedì sera si è rivolta al medico legale Michael Baden perché conduca una seconda autopsia. "La famiglia non si fida di nulla che arriva dal dipartimento di polizia di Minneapolis - ha detto il legale Ben Crump - La verità l'abbiamo già vista". "Non respiro": polizia lo blocca, afroamericano muore

  • Parietti: "Grecia non ci vuole? Noi volevamo chiudere a cinesi, perché loro no?"
    Salute
    Adnkronos

    Parietti: "Grecia non ci vuole? Noi volevamo chiudere a cinesi, perché loro no?"

    La Grecia chiude le frontiere all'Italia? "Bisogna avere rispetto e non mi sento di giudicarli. Noi volevamo chiudere ai cinesi, per quale motivo gli altri non devono chiudere a noi? Cosa siamo, meglio degli altri? Non lo trovo un affronto, è una misura precauzionale ed ho tutto il rispetto di chi si vuole salvaguardare". Lo afferma Alba Parietti all'Adnkronos, commentando positivamente, in controtendenza rispetto a tanti personaggi noti del nostro paese, la decisione della Grecia di non aprire le frontiere ad alcuni paesi, tra cui l'Italia, durante le vacanze estive. "E' una pandemia a livello mondiale, è una malattia per la quale si muore -dice la showgirl, che ha recentemente dichiarato di essere stata colpita in prima persona dal virus- Quando si tratta di vita, di salute, non è una forma di razzismo, ma di salvaguardia personale e di tutela delle persone". E sottolinea: "La Grecia è un paese che non ha una grande attrezzatura per reagire all'emergenza. Così facendo sta privilegiando la salute rispetto all'economia, ma perché devono prendersi un rischio del genere? Non hanno i pronto soccorsi attrezzati e un personale medico sufficiente, sono riusciti attraverso la prevenzione a scamparla, non me la sento di giudicare una decisione del genere".  "Così come, nella mia vita di tutti i giorni -aggiunge la Parietti- io non me la sento di giudicare le persone che oggi non si sentono ancora di uscire. E' esattamente la stessa cosa. Sono decisioni personali. Ma perché dobbiamo rompergli le scatole?".

  • Direttore non lo riconferma: si suicida 27enne di Teramo
    Notizie
    notizie.it

    Direttore non lo riconferma: si suicida 27enne di Teramo

    Il giovane cameriere suicidato non era stato riconfermato dall'Hotel colpito dalla crisi da coronavirus. Si tratta del quinto caso in 15 giorni

  • Frodi via telefono, attenti al 'vishing'
    Notizie
    Adnkronos

    Frodi via telefono, attenti al 'vishing'

    Nell’ultimo periodo sono in aumento le denunce da parte di cittadini in relazione ad addebiti non autorizzati sulle proprie carte di credito, in conseguenza di raggiri via telefono noti alla polizia postale con il termine di “Vishing”. A darne notizia è la Polizia Postale e delle Comunicazioni.  La vittima di tali frodi viene contattata telefonicamente da finti operatori bancari o di società emittenti carte di credito, i quali riferendo di presunte “anomalie” nella gestione della carta di credito o del conto corrente avvisano la persona che, nel suo stesso interesse, è necessario attivare fantomatiche “procedure di sicurezza”. I truffatori richiedono quindi alla vittima di leggere a voce alta il “codice di conferma” che, proprio in quel momento, appare via messaggio sul display del telefono. Tale codice, tuttavia, altro non è che il codice autorizzativo di una transazione che in quel momento i truffatori stanno tentando di effettuare via web ai danni dell’ignara vittima. I cyber-criminali infatti, entrati precedentemente in possesso dei dati della carta di credito (numero di carta, data di scadenza e Cvv), necessitano di conoscere tale codice di sicurezza per completare una transazione in corso, e sottrarre così il denaro della vittima.  Questa, credendo in buona fede di aver agito correttamente per mettere in sicurezza il proprio conto o la propria carta di pagamento, si accorge solo successivamente (spesso, al momento della ricezione dell’estratto-conto) che vi sono in realtà movimentazioni in uscita non autorizzate, pari anche a diverse migliaia di euro, per l’acquisto di beni e servizi mai richiesti su piattaforme online. "Si sottolinea ancora una volta l’importanza di non rivelare mai a nessuno, via telefono come via social o via email, i nostri dati più sensibili, le nostre password dispositive, i Pin o i nostri codici di accesso comunque denominati - sottolinea la Polizia Postale e delle Comunicazioni - È opportuno diffidare sempre di fronte a soggetti che richiedono tali dati, presentandosi come operatori di istituzioni pubbliche, importanti aziende o istituti bancari. Utile invece procedere a semplici ed attente verifiche, contattando l’ente coinvolto che potrà confermare i nostri sospetti". Al più presto, in caso di bisogno, è bene rivolgersi alla Polizia Postale e delle Comunicazioni, a disposizione dei cittadini per ricevere denunce e per fornire ogni supporto e chiarimento, attraverso i propri uffici ed i propri canali virtuali (www.commissariatodips.it).

  • Nordcorea, tentano la fuga: giustiziati marito e moglie
    Notizie
    Adnkronos

    Nordcorea, tentano la fuga: giustiziati marito e moglie

    Le autorità nordcoreane hanno giustiziato un uomo e sua moglie per aver tentato di fuggire dal Paese durante la quarantena per l'emergenza per il Covid-19. Lo ha riferito Radio Free Asia, citando fonti interne alla Corea del Nord. La coppia, proveniente dalla provincia di Ryanggang, vicino alla Cina, era stata fermata mentre cercava di scappare con il nipote adolescente attraverso il confine, che è chiuso da gennaio. Non sono stati sottoposti a processo e sono stati immediatamente fucilati, tuttavia il ragazzo ha evitato l’esecuzione in quanto minorenne. “Era una coppia sulla cinquantina e uno studente di 14 anni. Il ragazzo è il figlio del fratello minore della moglie, che era precedentemente fuggito nel Sud. Sono stati catturati dalle guardie di frontiera mentre cercavano di fuggire insieme", ha raccontato la fonte, secondo cui "la coppia è stata torturata dal dipartimento di sicurezza provinciale per confessare di aver tentato la fuga con il nipote dopo essere stati contattati dal fratello della donna, che si trova in Corea del Sud".

  • De Luca: "Non si comprendono le ragioni di un'apertura generalizzata"
    Notizie
    Adnkronos

    De Luca: "Non si comprendono le ragioni di un'apertura generalizzata"

    "Apprendiamo che ci si avvia dalla prossima settimana a una ripresa della mobilità generalizzata tra le regioni. La Campania è da sempre impegnata a tutela dell'unità nazionale. Abbiamo riconfermato la nostra solidarietà incondizionata ai nostri concittadini della Lombardia, e al presidente Fontana rispetto ad aggressioni che nulla hanno a che vedere con un dibattito politico e di merito civile. Noi non abbiamo dimenticato neanche per un attimo, la tragedia immane che ha colpito tanti territori lombardi e tante famiglie. Ciò premesso, riteniamo di dover sottolineare che davvero non si comprende quali siano le ragioni di merito che possono motivare un provvedimento di apertura generalizzata e la non limitazione della mobilità nemmeno per le province ancora interessate pesantemente dal contagio". Lo scrive il governatore della Campania Vincenzo De Luca, sulla pagina Facebook.  Da Toti a Zaia, da Ceriscioli a Toma: reazioni e commenti "Si ha la sensazione - avverte De Luca - che per l'ennesima volta si prendono decisioni non sulla base di criteri semplici e oggettivi ma sulla base di spinte e pressioni di varia natura. Si poteva decidere semplicemente – togliendo i nomi delle Regioni – che i territori nei quali nell'ultimo mese c'era stato un livello di contagi giornalieri superiore a un numero prefissato (200 – 250 - 300...) fossero sottoposti a limitazioni nella mobilità per un altro breve periodo". "Se la mia Regione avesse ancora oggi un livello di contagio elevato, non esiterei a chiedere io, per un dovere di responsabilità nazionale, una limitazione della mobilità per i miei concittadini. Ciò detto, valuteremo le decisioni del governo, se e quando saranno formalizzate".  "Valuteremo le decisioni del governo, se e quando saranno formalizzate. Adotteremo, senza isterie e in modo responsabile, insieme ai protocolli di sicurezza già vigenti, controlli e test rapidi con accresciuta attenzione per prevenire per quanto possibile, il sorgere nella nostra regione di nuovi focolai epidemici".

  • Nuove grane per i Derek Chauvin, lo abbandonata anche la famiglia
    Notizie
    notizie.it

    Nuove grane per i Derek Chauvin, lo abbandonata anche la famiglia

    La moglie del poliziotto accusato della morte di Geroge Floyd vuole il divorzio e chiede protezione dalla reazione del marito.

  • La cantante de Le Donatella ha mollato il portiere dell'Atalanta?
    Notizie
    DonneMagazine

    La cantante de Le Donatella ha mollato il portiere dell'Atalanta?

    Giulia Provvedi e Pierluigi Gollini si sono lasciati? Pare che i due si siano detti addio ancora una volta.

  • 16enne scopre formula matematica inedita per risolvere teorema di Archimede
    Notizie
    notizie.it

    16enne scopre formula matematica inedita per risolvere teorema di Archimede

    Ha solo 16 anni ed è l'autore della scoperta di una nuova formula matematica, capace di aggirare il teorema di Archimede.

  • Vicenza, Laura condannata a pagare il risarcimento per il mancato matrimonio
    Notizie
    notizie.it

    Vicenza, Laura condannata a pagare il risarcimento per il mancato matrimonio

    La giovane donna di Vicenza dovrà pagare il risarcimento per aver annullato le nozze a pochi giorni dal matrimonio.

  • Corteggiatore di Giovanna Abate ed ex gieffina: il flirt che scotta
    Notizie
    DonneMagazine

    Corteggiatore di Giovanna Abate ed ex gieffina: il flirt che scotta

    Lidia Vella e Sammy Hassan, corteggiatore di Giovanna Abate, hanno avuto un flirt: il motivo della rottura genera caos.

  • 'Ndrangheta stragista, il boss interrompe l'interrogatorio
    Notizie
    notizie.it

    'Ndrangheta stragista, il boss interrompe l'interrogatorio

    Interrotto l'interrogatorio del boss Graviano. Stop alla collaborazione con la procura di Reggio Calabria.

  • Ylenia, il messaggio sulla famiglia
    Stile di vita
    notizie.it

    Ylenia, il messaggio sulla famiglia

    Prima della scomparsa, Ylenia Carrisi rilasciò un ultimo messaggio che parlava della sua famiglia: le parole della figlia di Al Bano e Romina

  • Omaggio a Milite Ignoto, la lettera a Meloni
    Politica
    Adnkronos

    Omaggio a Milite Ignoto, la lettera a Meloni

    "Gentile Presidente, in esito alla sua richiesta di cui al riferimento, si è avuta cura di sottoporre con immediatezza l'istanza all'Ufficio per il Cerimoniale di Stato e per le Onorificenze della Presidenza del Consiglio dei ministri, normativamente responsabile delle Cerimonie da tenersi in occasione di Feste nazionali". E' quanto si legge nella lettera che il Capo dell'Ufficio del Cerimoniale del ministero della Difesa ha inviato alla presidenza di Fdi, e che Giorgia Meloni pubblica sulla sua pagina Facebook, con evidenziato l'orario di ricezione, le 20, successivo alle notizie che cominciavano a circolare nel pomeriggio, sul diniego alla richiesta del centrodestra di deporre per il 2 giugno una corona al Milite Ignoto. Meloni: "Scioccata da metodi cricca Conte" "In merito -prosegue la lettera- il suddetto ufficio ha fatto pervenire una relazione nella quale indica l'impossibilità tecnica di autorizzare, per la data in esame, una deposizione ulteriore a quella del Presidente della Repubblica". La leader Fdi ha scritto quindi un post in cui si è detta "scioccata" per come la questione è stata trattata dallo staff del premier. "Volevamo solo deporre una corona d'alloro -scrive tra l'altro Meloni nel post- in memoria del Milite Ignoto. Se in quel giorno non era possibile, o non era istituzionalmente rispettoso, bastava dirlo. Invece si è pensato che anche questo nostro gesto fosse un'occasione per fare propaganda contro di noi. Perciò lo staff del premier ha passato il pomeriggio a chiamare tutti i giornali per raccontare una versione che serviva a screditarci, senza che nessuno avesse mai parlato della questione con noi".

  • Il cardiologo maceratese in UK con il super plasma
    Notizie
    notizie.it

    Il cardiologo maceratese in UK con il super plasma

    Un cardiologo italiano residente a Londra ha un super plasma con anticorpi 40 volte sopra la media: è il paziente con quantità maggiori in Inghilterra.

  • Coronavirus, Lopalco: "Prima ondata pandemia si spegne"
    Salute
    Adnkronos

    Coronavirus, Lopalco: "Prima ondata pandemia si spegne"

    I dati sui nuovi casi di Covid-19 ci dicono che siamo di fronte "alla prima ondata pandemica che si sta spegnendo" e i nuovi positivi "che vediamo oggi sono tutti asintomatici che attivamente andiamo a cercare". Lo afferma l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all'Università di Pisa e dirigente coordinatore per le emergenze epidemiologiche della Regione Puglia, che sui 'numeri' della Lombardia, regione con circa la metà dei casi e dei decessi totali, spiega: "Siccome lì il numero di portatori nella popolazione è più alto delle altre regioni, bisogna capire se le aperture, col fatto che c'è questa più alta concentrazione di portatori, hanno attivato o meno una nuova circolazione del virus".  "Questo è l'elemento di valutazione che va fatto in Lombardia", aggiunge Lopalco, ribadendo l'importanza di "capire la data reale dell'infezione a cui si riferiscono i dati, perchè - spiega - se il tampone viene fatto con 10 giorni di ritardo rispetto alla segnalazione il dato si riferisce a infezione vecchia. Questo aspetto è molto importante e purtroppo il numero assoluto dei bollettini non ci dà questa informazione. Non è escluso infatti - conclude - che questa coda di casi dipenda dal fatto che si tratta di vecchie infezioni evidenziate ora".

  • La Fico infiamma il web in costume da bagno
    Spettacolo
    notizie.it

    La Fico infiamma il web in costume da bagno

    Raffaella Fico ha sedotto i fan dei social con uno scatto in bikini: la showgirl ha messo in mostra le sue grazie senza un filo di trucco.

  • La Guaccero pronta a diventare madre per la seconda volta?
    Notizie
    DonneMagazine

    La Guaccero pronta a diventare madre per la seconda volta?

    Bianca Guaccero mamma bis? La conduttrice ha rivelato che con l'arrivo della primavera sperava di dare un fratellino ad Alice.

  • Politica
    AGI

    Lo 'schiaffo' di Angela Merkel a Trump sul G7 a Washington

    AGI - Angela Merkel snobba apertamente Donald Trump. La cancelliera non andrà di persona a Washington per partecipare al prossimo G7, e questa volta lo scontro, al di là delle formule utilizzate, appare plateale. "Ad oggi, in considerazione della situazione complessiva della pandemia", la cancelliera "non può accordare la sua partecipazione personale al vertice", ossia "non viaggerà a Washington", ha annunciato il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert.Il presidente Usa aveva lanciato per fine giugno un summit delle sette nazioni piu' industrializzate del globo da tenersi nella capitale statunitense come "segno di una normalizzazione" dopo la fase più acuta del coronavirus. In un primo momento l'idea era di fissare l'incontro - reale, non in videoconferenza - a Camp David, dal 10 al 12 giugno: progetto abbandonato a causa dell'evoluzione della pandemia a favore di un vertice 'in remoto'.Poi, lo scorso 20 maggio, Trump a sorpresa ha rilanciato l'opzione di un vertice 'dal vivo', come segno della ripartenza degli Usa e degli altri Paesi. Tra i vari leader, il premier britannico Boris Johnson - con una telefonata al presidente americano - ha deciso ieri di accettare l'invito al summit \- che dovrebbe tenersi intorno al 25 giugno - dopo che erano già arrivate le conferme di massima da parte del capo dell'Eliseo, Emmanuel Macron, e dei primi ministri del Giappone e del Canada, Shinzo Abe e Justin Trudeau. Trump è furioso per il rifiuto della cancellieraMentre BoJo ha sottolineato "l'importanza dei incontrarsi al G7", Trudeau ha ribadito la necessità "di avere come priorità la sicurezza" per la salute, laddove Macron ha voluto specificare che parteciperà "se le condizioni di salute lo permettono".Una formula analoga e' stata utilizzata dal presidente del Consiglio Ue, Charles Michel. Ora, la scelta della cancelliera tedesca sembra non esser passata inosservata a Washington. "Trump è furioso per la riluttanza di Merkel a partecipare al summit", riferisce Politico, che cita anche "un alto funzionario Usa", il quale a condizione di anonimato rivela che il capo della Casa Bianca e la cancelliera avrebbero avuto "accesi contrasti su temi tra cui la Nato, il gasdotto Nord Stream 2 tra la Russia e la Germania nonché le relazioni con la Cina" nel corso di una conversazione telefonica dei giorni scorsi.Da parte sua, in un primo momento Merkel aveva lasciato aperta la questione della propria partecipazione al G7: "In qualsiasi forma si tenga l'incontro", aveva dichiarato la cancelliera il 20 maggio, "io lotterò in ogni caso per il multilateralismo. Questo è chiarissimo. Sia al G7 che al G20".Oggi "no" forte e sonante, per un summit che nelle intenzioni di Trump dovrebbe tenersi nella stessa Casa Bianca. È un fatto che la contrapposizione tra Berlino e Washington si apra su fronti ogni giorno più ampi. Oggi è stato il ministro alla Salute tedesco Jens Spahn a ribadire in modo netto la propria contrarietà alla linea di Trump sull'Oms, definendo "un deludente passo indietro per la politica sanitaria internazionale" il ritiro degli Usa dall'Organizzazione mondiale della Sanità annunciata ieri dal presidente Usa."Per avere un futuro, l'Oms ha bisogno di riforme", afferma Spahn in un messaggio diffuso in tedesco, inglese e francese su Twitter, aggiungendo che "l'Europa si deve impegnare con più forza, anche dal punto finanziario" e che questa sarà "una delle priorità" durante la presidenza tedesca del Consiglio Ue, che prende il via il primo luglio.

  • Gilet arancioni a Milano, è polemica sull'assembramento
    Politica
    Yahoo Notizie

    Gilet arancioni a Milano, è polemica sull'assembramento

    Centinaia di persone in piazza Duomo senza distanza di sicurezza. Sala: "Irresponsabili".