Il Cda ha deciso di evitare la chiusura dei due canali telematici

·2 minuto per la lettura
rai storia
rai storia

Rai Storia non verrà chiuso. Il Consiglio di Amministrazione dell’emittente televisiva, svoltosi venerdì 30 ottobre, ha deciso di salvare il canale telematico. Ben 50 mila persone nei giorni scorsi avevano firmato una petizione per evitarne la chiusura. La stessa sorte è toccata a Rai Sport, altro canale per cui era stato valutato lo stop nelle scorse settimane.

Il futuro di Rai Storia e Rai Sport

L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, nei giorni scorsi aveva ammesso di stare valutando la possibilità di accorpare il canale telematico Rai Storia al canale Rai 5 oppure di rendere disponibile i programmi soltanto sulla piattaforma streaming e di eliminare totalmente Rai Sport. Nel corso dell’ultimo CdA, dove è stato definito il palinsensto invernale della emittente, tuttavia, si è deciso di evitare la chiusura dei due canali.

Ad annunciare la mancata chiusura di Rai Storia, tramite un post su Facebook, la consigliera di amministrazione Rita Borioni: “Appena finito il CdA della Rai. Posso confermare quello che ho detto e ripetuto nei giorni scorsi. Rai Storia non chiuderà. Ci sarà un comunicato stampa dell’Azienda a breve che confermerà tutto ciò. Questa sera tutti davanti a Rai Storia. Domani interrogo“, ha scritto allegando delle emoticon sorridenti.

In parte ciò è avvenuto anche grazie a una petizione lanciata sul web. In particolare, essa era apparsa sul portale “Fatti per la storia“, che si occupa di accessibilità alla cultura storica e, dunque, ha a cuore la causa.

A differenza della proposta presentata in CdA Rai, il canale Rai Storia va potenziato, migliorato e maggiormente pubblicizzato“, avevano scritto i promotori della petizione. La ragione è che: “La divulgazione storica può essere un antidoto ad una pericolosa deriva antifascista e revisionista“.

Anche Rai Sport è salvo. Lo ha annunciato proprio il direttore generale Fabrizio Salini.