Il certificato verde servirà anche per andare nelle chiese?

·1 minuto per la lettura
Green pass in chiesa?
Green pass in chiesa?

Nel decreto che estende l’obbligo di green pass a tutti i lavoratori a partire dal 15 ottobre 2021 non vi sono specifiche modifiche per l’accesso in chiesa: per recarsi nei luoghi sacri continuerà dunque a non essere necessario il possesso della certificazione verde.

Green pass in Chiesa?

Le regole anti Covid per le funzioni liturgiche restano dunque invariate e prevedono distanziamento, obbligo di mascherina, igienizzazione delle mani e assenza di tutti quei gesti che sarebbero vettori di contagio (come lo scambio della pace e l’utilizzo all’acqua santa). Ciò vale sia per il territorio italiano che per quello vaticano.

La Conferenza episcopale italiana ha comunque dato indicazione a tutti i vescovi di sollecitare i fedeli a vaccinarsi, con un invito particolare per gli operatori, sacerdoti in primis, ma anche catechisti, cantori e volontari a vario titolo.

Green pass in Chiesa? La decisione della diocesi di Milano

La diocesi di Milano, la più grande al mondo, ha già risposto all’appello disponendo che a partire dal 20 settembre sacerdoti e operatori abbiano ricevuto la prima dose di vaccino da almeno 14 giorni, siano guariti dal Covid meno di 180 giorni o abbiano fatto un tampone negativo nelle 48 ore precedenti. Occorrerà dunque aver fatto ciò che serve per ottenere il green pass anche se formalmente il certificato non sarà richiesto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli