Il cervello umano si è ridotto di dimensioni tremila anni fa

·2 minuto per la lettura

AGI - Il cervello umano è diminuito di dimensioni circa 3.000 anni fa e lo studio delle formiche ha aiutato i ricercatori ad avvicinarsi alla comprensione della sua evoluzione. Ad ipotizzare che il restringimento del cervello sia parallelo all'espansione dell'intelligenza collettiva nelle società umane è stato un team di ricercatori statunitensi guidati dal Dartmouth College di Hanover.

Il loro articolo, pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution, ha gettato nuova luce sull'evoluzione del cervello umano. Il cervello è l'organo più complesso del corpo umano. Studiare e comprendere le cause e le conseguenze dell'evoluzione del cervello può aiutare a comprendere la natura stessa dell'umanità. È ben documentato che il cervello umano è aumentato di dimensioni nel corso della sua storia evolutiva.

Meno apprezzato è il fatto che i cervelli umani siano diminuiti di dimensioni a partire dal Pleistocene. Quando o perché siano esattamente avvenuti questi cambiamenti non era noto, fino ad ora. "Un fatto sorprendente sugli umani di oggi è che i nostri cervelli sono più piccoli rispetto ai cervelli dei nostri antenati del Pleistocene. Il motivo per cui il nostro cervello si è ridotto di dimensioni è stato un grande mistero per gli antropologi", ha spiegato il co-autore, Jeremy DeSilva, del Dartmouth College.

Per districare questo mistero, un team di ricercatori provenienti da diversi campi accademici ha deciso di studiare i modelli storici dell'evoluzione del cervello umano, confrontando le loro scoperte con ciò che è noto nelle società delle formiche. I ricercatori hanno applicato un'analisi del punto di cambiamento a un set di dati di 985 crani fossili e umani moderni. Hanno scoperto che il cervello umano è aumentato di dimensioni 2,1 milioni di anni fa e 1,5 milioni di anni fa, durante il Pleistocene, ma è diminuito di dimensioni circa 3.000 anni fa, durante l'Olocene.

Lo sviluppo di modelli computazionali delle dimensioni, della struttura e dell'energia del cervello delle formiche operaie in alcune cladi di formiche - come la formica tessitrice Oecophylla, le formiche tagliafoglie Atta o la formica da giardino comune Formica - ha mostrato che la cognizione a livello di gruppo e la divisione del lavoro possono condurre alla variazione adattativa delle dimensioni del cervello. Ciò significa che all'interno di un gruppo sociale in cui la conoscenza è condivisa o gli individui sono specialisti in determinati compiti, il cervello può adattarsi per diventare più efficiente e diminuire di dimensione.

"Le società di formiche e umane sono molto diverse e hanno preso strade diverse nell'evoluzione sociale", ha detto il co-autore, James Traniello, della Boston University. "Tuttavia, le formiche condividono con gli esseri umani anche importanti aspetti della vita sociale, come il processo decisionale di gruppo e la divisione del lavoro, cosi' come la produzione del proprio cibo (agricoltura). Queste somiglianze possono ampiamente informarci sui fattori che possono influenzare i cambiamenti nelle dimensioni del cervello umano".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli