Il cibo come arma di guerra

La presidente della Commissione Ue accusa Mosca di armare la fornitura di cibo bloccando il porto ucraino di Odessa e persino rubando cereali ucraini. Ursula Von Der Leyen, Presidente della Commissione Ue:  "Il cibo ormai fa parte dell'arsenale del terrore del Cremlino e non possiamo tollerarlo".

Ciò si aggiunge alla carenza alimentare globale derivante dall'interruzione delle catene di approvvigionamento da parte della pandemia e dagli effetti del cambiamenti climatici.

Questo è ciò che Russia e Ucraina forniscono a livello globale:

28% del grano scambiato

29% di orzo

15% di mais

75% di olio di semi di girasole

Il conflitto sta sconvolgendo direttamente le dinamiche fisiche, logistiche e di mercato nella regione del Mar Nero, una rotta chiave di grano, cereali da foraggio e prodotti prevnienti dai girasoli, verso i mercati mondiali, in particolare le regioni del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA).

Una parte della soluzione ora potrebbe arrivare da altri paesi produttori nel mondo che potrebbero sfamare il resto del mondo, ma già 23 paesi hanno dichiarato severe restrizioni alle esportazioni alimentari, addirittura divieti a causa dei fenomeni climatici estremi e timori di carenze interne come l'India che è stato colpita da un'intensa ondata di caldo irragionevole.

Eugenio Dacrema, Analista Economico, Programma Alimentare Mondiale: "L'India doveva essere l'ultima risorsa e l'ultima speranza per la stabilità del mercato del grano e il fatto che l'India abbia deciso dopo questo shock climatico che ha ridotto la proiezione per il prossimo raccolto, ha deciso di vietare quasi completamente le esportazioni. Questo è un grosso problema perché ci sono paesi con un deficit nella produzione interna e meno paesi sono in grado di importare per vendere beni essenziali chiave come il grano, più problemi di instabilità, intendo la fame.

A marzo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite prevedeva che se il conflitto non fosse terminato entro la fine di maggio, ci sarebbero stati altri 47 milioni di persone in condizioni di insicurezza alimentare in tutto il mondo. Ma le cose sembrano andare peggio perché negli ultimi due mesi l'impatto è stato ancora più grave del previsto.

Eugenio Dacrema, Analista Economico, Programma Alimentare Mondiale: "Stiamo assistendo all'aumento del prezzo dei generi alimentari, alle proteste indotte in molti altri paesi. Nella mia mente in questo momento, penso al Kenya, penso al Pakistan e a molti altri. Siccome la guerra non è finita, il problema , i guai sul mercato alimentare internazionale non sono ancora finiti, probabilmente sono solo all'inizio, viene naturale pensare che questo non farà che aumentare, non risolvere".

Il Programma alimentare mondiale ha anche sottolineato che, insieme al conflitto, siamo entrati in una "nuova normalità" in cui siccità, inondazioni, uragani e cicloni danneggiano ripetutamente l'agricoltura e l'allevamento e tutti questi fattori potranno ben presto portare a migrazioni di massa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli