Il colosso americano pronto ad aiutare a recuperare il ritardo causato da AstraZeneca

·2 minuto per la lettura
Vaccino Pfizer dosi anticipo Italia
Vaccino Pfizer dosi anticipo Italia

In Italia arriveranno più di un milione di dosi in anticipo del vaccino di Pfizer BioNTech per provare a ridurre l’impatto del danno al piano di vaccinazione generato dal blocco precauzionale della somministrazione di AstraZeneca. L’anticipo che spetterà all’Italia è di un milione e 351 mila dosi, un numero ancora certamente ridotto, ma che potrebbe permettere il recupero dei molti che in questi giorni hanno visto rinviato il proprio appuntamento proprio per il blocco del siero anglo svedese di AstraZeneca. È dunque un’ottima notizia per l’Italia che attende con molta attenzione anche quello che accadrà nel secondo trimestre dell’anno quando è previsto l’arrivo di 52 milioni di dosi che potrebbero finalmente consentire una vera vaccinazione di massa.

Vaccino Pfizer, dosi in anticipo per l’Italia

Pfizer, dopo un iniziale rallentamento nella produzione con conseguenti critiche, sta ora cercando di velocizzare la propria catena di rifornimento e si è posta come obiettivo quello di riuscire a produrre entro la fine del 2021 ben 2 miliardi di dosi rispetto al miliardo e 300 mila che era stato previsto. Questo vorrebbe dire un’accelerazione netta nel processo di schermatura di massa dal covid impostato dai diversi Paesi del mondo.

In virtù dell’arrivo di nuove e abbondanti dosi, anche il piano italiano di vaccinazione potrebbe cambiare, visto e considerato che avendo la certezza dell’arrivo di nuovi sieri si potrebbe ridurre la scorta di quelli messi da parte per le seconde dosi di richiamo (oggi al 30%). Pfizer si è dimostrata dunque pronta a recuperare il suo iniziale ritardo con l’Italia che attende con trepidazione l’arrivo delle nuove dosi. È attesa invece per giovedì 18 la decisione dell’Ema in merito ad AstraZeneca, ma al momento sembra che l’agenzia non intenda sospendere la somministrazione del siero.