Il colosso farmaceutico opererà sulle fasce di bimbi under 12

·2 minuto per la lettura
Pfizer avvia la sperimentazione del vaccino per i bambini
Pfizer avvia la sperimentazione del vaccino per i bambini

Il colosso farmaceutico Pfizer avvia la sperimentazione del vaccino per i bambini di età inferiore ai 12 anni. La casa farmaceutica dunque “salta il fosso” dei trial clinici quasi solo su soggetti adulti e si addentra su un terreno infido. E insidioso quel terreno lo è per due motivi. Il primo è legato al fatto che ad oggi non esistono vaccini anti covid per bambini. Il secondo perché proprio il principio di rivolgere attenzioni cliniche ai bambini è ancora molto osteggiato. Fra i vaccini che hanno un target di età più ampio c’è il BNT162b2/Tozinameran. Lo ha messo a punto Pfizer in collaborazione con la società tedesca BioNTech ed è stato autorizzato dai 16 anni in su. Poi c’è l’AZD1222/ChAdOx1 di AstraZeneca, Università di Oxford e Advent-Irbm (società italiana di Pomezia). Quest’ultimo invece ha un’approvazione per 18 anni in su, così Moderna.

Vaccino per i bambini: perché manca

Ma perché l’assenza di un vaccino per i bambini, che secondo molti studiosi è alla base dell’impossibilità di raggiungere l’immunità di gregge? Nella più parte dei casi per i bambini covid dà un’infezione con pochi sintomi. Non mancano casi gravi o addirittura mortali ma il range è quello. Ma esiste un altro motivo: quello per cui bisognava prima dimostrare l’efficacia del vaccino sugli adulti. E secondo CNN Pfizer ritiene che il momento sia arrivato.

I primi test su 5mila bambini

I test sono partiti per la fascia fra 5 e gli 11 anni come con i protocolli Moderna.Se ci saranno risultati validi si passerà a quella tra i 2 e i 5 anni e infine a quella tra i 6 mesi e i 2 anni. Saranno quasi 5mila i bambini coinvolti e i risultati saranno pubblicati entro fine anno. La sperimentazione di Pfizer era stata anche graduale “a ritroso” con 2.259 bambini tra i 12 e i 15 anni, ritenendolo sicuro. In Israele il vaccino di Pfizer è stato testato su 600 ragazzini e senza reazioni avverse.

Fauci spera nell’autunno

E l’immunologo Anthony Fauci, direttore del NIAID e a capo della task force anti Covid della Casa Bianca fa una previsione. A suo dire per l’autunno saranno disponibili i vaccini per i ragazzini di medie e superiori, mentre per i più piccoli potrebbe essere necessario attendere il primo trimestre del 2022.