Il colpo di Netflix si chiama Belasco Theatre: niente cinema ma un teatro per "The Irishman"

Filippo Brunamonti
The Irishman incanta il Belasco Theatre a NY

New York – Tra pallottole e chitarre-testamento, i palcoscenici di Broadway aspettano il mese di novembre con le loro insegne rosso ketchup. Un anno fa, l’incasso record di Springsteen On Broadway al Walter Kerr Theater: 106.8 milioni in 58 settimane, 2 milioni e mezzo a settimana, prezzo medio del biglietto schizzato a 1,789 dollari. Poi le campagne marketing del direttore di Ticket Club, Sean Burns, secondo cui “Broadway ha superato i prezzi dei rivenditori di biglietti al Super Bowl”. Sotto l’ala del nuovo business model di Netflix, gli effetti sul pubblico di Manhattan, intossicati di cinema, play e musical, sono tutti per The Irishman di Martin Scorsese. Una distribuzione cinematografica che esclude grosse catene come Regal, Cinemark e AMC (si sono rifiutate di proiettare 3 ore e mezzo di film) e prevede un massimo di 26 giorni di circuitazione, da iPic all’Alamo Drafthouse, da New York a Los Angeles, prima del debutto sulla piattaforma di streaming. Nella maggior parte dei casi ai film è data una finestra di tempo pari a 90 giorni in sala a cui segue la destinazione home entertainment.

Il vero colpo, quindi, è firmato Belasco Theatre: dal primo novembre al primo dicembre farà di The Irishman il suo “spettacolo teatrale” mimando il calendario tradizionale di Broadway: otto screenings a settimana e biglietti al costo di 15 dollari. Fan e appassionati parlano del gangster movie di Scorsese al Belasco come di “un’esperienza da custodire nel cuore”. Per l’occasione gli organizzatori del teatro, d’accordo con Netflix, hanno ideato una serie di gadget e memorabilia su tutta West 44th Street, a pochi passi da Times Square. Noi siamo andati a vedere che succede in una delle giornate più fredde d’autunno (8 novembre, 3 gradi centigradi). L’ingresso del teatro è tappezzato di manifesti con le sagome dei protagonisti Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci; sotto gli affreschi di Everett Shinn e della “New York and The Eight”,...

Continua a leggere su HuffPost