Il comizio di Latina, la “nostalgia” per Mussolini e i nomi dimenticati di Falcone e Borsellino

·1 minuto per la lettura
Claudio Durigon
Claudio Durigon

Il cosiddetto“Caso Claudio Durigon” sta tenendo banco ormai da giorni negli ambienti politici, del governo e dell’informazione, ma perché si discute delle dimissioni del deputato della Lega? Il motivo è abbastanza noto, ma conviene ricordarlo: al centro delle polemiche c’è una dichiarazione fatta da Durigon in quel di Latina durante un comizio per le amministrative di ottobre.

Caso Durigon, perché si discute di dimissioni: il comizio “galeotto” a Latina

In quella circostanza il deputato del Carroccio e Sottosegratario all’Economia aveva lanciato una proposta: revocare l’intitolazione di un parco pubblico di Latina a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e “restituire” quell’area verde al suo nome originario. Il primo a reagire, pochi giorni dopo, era stato GIuseppe Conte.

Perché le dimissioni per il caso Durigon fanno discutere: via Falcone e Borsellino, avanti Mussolini

Quale nome? Quello per cui il parco era intitolato ad Arnaldo Mussolini, fratello di Benito, direttore del quotidiano ufficiale del Partito Nazionale Fascista “Popolo d’Italia” e personaggio di spicco del Ventennio. Al comizio “galeotto” era presente anche Matteo Salvini.

Caso Durigon, si discute di dimissioni, ma Salvini glissa: “Non ci sono nostalgici”

Il segretario della Lega, dopo una marea di critiche e la valutazione di una mozione di sfiducia da parte di quasi tutti i partiti del governo Draghi, aveva glissato: “Fascismo e comunismo sono stati sconfitti dalla storia e nella Lega non c’è alcun nostalgico”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli