Il commissario di Lega Marche commenta l'omicidio a Civitanova

ambulante civitanova lega
ambulante civitanova lega

Un venditore ambulante nigeriano è stato ucciso nel centro di Civitanova, e il commissario di Lega Marche, Riccardo Augusto Marchetti, ha commentato l’accaduto.

Ucciso un venditore ambulante nigeriano a Civitanova

Nel primo pomeriggio di ieri, venerdì 29 luglio, un uomo di 39 anni di origini nigeriane è stato ucciso nel centro di Civitanova Marche, in provincia di Macerata. La vittima è Alika Ogorchukwu, un venditore ambulante che si trovava lungo Corso Umberto I, quando è stato aggredito per aver insistito troppo nel vendere la sua merce.

Il fatto è stato oggetto di scalpore di cronaca, e ha avuto risonanza anche tra alcuni esponenti politici: uno di questi è Riccardo Augusto Marchetti, commissario della Lega Marche.

Il comunicato di Riccardo Augusto Marchetti

«È vergognoso che nel pieno centro di una città turistica e molto frequentata come Civitanova Marche si assista a episodi del genere. Matteo Salvini è stato l’unico Ministro dell’Interno a garantire la sicurezza del Paese azzerando gli sbarchi e investendo ingenti risorse per aumentare l’organico delle Forze dell’Ordine. Mentre la sinistra e la stampa asservita al PD si affannano a combattere un nemico inesistente come il fascismo, la Lega vuole lavorare con serietà e concretezza per garantire sicurezza agli italiani. Non appena torneremo al governo, stavolta insieme al Centrodestra unito, metteremo subito in campo misure in grado di tutelare i cittadini e la loro incolumità. La sicurezza è da sempre una delle nostre priorità, non permetteremo che gli italiani continuino a vivere nella paura».

Queste le parole di Marchetti, che ha utilizzato un caso di omicidio a sfondo razzista per fare propaganda politica, senza cirarsi di mostrare un minimo di cordoglio nei confronti della vittima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli