Il commissario per l’emergenza Covid sottolinea quanto sia importante proteggere queste categorie

·1 minuto per la lettura
Il generale Figliuolo
Il generale Figliuolo

L’appello del generale Francesco Paolo Figliuolo alle Regioni è perentorio: bisogna assolutamente “immunizzare immigrati e senzatetto”. Il commissario straordinario per l’emergenza Covid lo ha sottolineato in alcune sue dichiarazioni al Corriere della Sera, in cui la messa in sicurezza della maggior parte degli italiani deve fare il paio con quella di quelle fasce di cittadini e persone presenti sul territorio che possono incrementare e veicolare i contagi.

Figliuolo: immunizzare immigrati e senzatetto: “Non sono censiti e sono un rischio”

Ecco perché da questo punto di vista l’attenzione di Figliuolo si è spostata sui senza dimora e sui migranti. Va a dire su coloro che “si trovano in condizioni di disagio o che non risultano al momento censiti da tessera sanitaria” e che quindi sono a rischio elevato di diventare vettore di trasmissione e veicolo del coronavirus.

Immunizzare immigrati e senzatetto, Figliuolo: “Le Regioni implementino queste attività”

L’appello alle Regioni di Figliuolo ha questa chiave di lettura, per “implementare l’attività in favore di queste categorie nell’ottica di garantire ampio accesso alle somministrazioni di un maggior numero di persone sul territorio nazionale, quale elemento di particolare attenzione per la prevenzione collettiva”.

I profughi dall’Afghanistan e l’appello di Figliuolo ad immunizzare immigrati e senzatetto

L’esempio più evidente e recente è quello dei cittadini dell’Afghanistan giunti in questi giorni in Italia a seguito della crisi internazionale e di vicende in cui la vaccinazione anti covid non è fra le priorità di origine. Per questo motivo dopo la quarantena chi di loro vorrà potrà farsi somministrare il farmaco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli