Il commosso omaggio di Silvio Berlusconi al piccolo Francesco, morto per salvare il fratellino: "Una lezione di amore"

Huffington Post
I fratellini di Messina, a sinistra Francesco Filippo, a destra Raniero, morti in un incendio ha devastato l'appartamento al primo piano di via dei Mille 134, 15 giugno 2018. ANSA/GIANLUCA ROSSELLINI

Una storia che ha colpito tutta Italia e anche Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia scrive una lettera al Giornale per un commosso omaggio al piccolo Francesco Filippo, che ha perso la vita nel rogo del suo appartamento nel centro di Messina nel disperato tentativo di mettere in salvo il fratellino Raniero.

"Non credo possa esistere nella vita umana un dolore più profondo" scrive Berlusconi rivolgendosi ai genitori, che sono riusciti a mettersi in salvo, insieme a due dei loro quattro figli. "A loro posso dire solo una cosa: di essere fieri di aver avuto un figlio come Francesco, dell'educazione che gli hanno dato, dei valori che hanno saputo trasmettergli. Questo non lenirà il dolore del papà e della mamma, ma devono sapere che Francesco non è morto invano, anche se non è riuscito a salvare il fratello: il suo sacrificio ricorda a tutti noi, in qualsiasi età della vita, che esistono valori e sentimenti profondi, irrinunciabili, assoluti, che proprio per questo vanno al di là della vita stessa. In una società che ci appare dominata dall'egoismo, dall'indifferenza, dalla disonestà, dalla sopraffazione, un gesto di un bambino ci dimostra che esiste un'altra Italia, fatta di generosità, di solidarietà, di coraggio, di spirito di sacrificio, e soprattutto amore".

Berlusconi auspica che la scuola media che Francesco frequentava sia a lui intitolata.

Continua a leggere su HuffPost