Il commovente saluto della moglie di Sassoli: "Sarà dura senza di te, ma come dicevi nulla è impossibile"

·1 minuto per la lettura
The wife of late European Parliament speaker David Sassoli, Alessandra Vittorini (2ndR), her children Giulio (R) and Livia (3rdR) stand by as pallbearers carry Sassoli's coffin for a Lying in state ceremony on January 13, 2022 at Capitoline Hill in Rome. - Sassoli died on January 11, 2022 in the hospital where he had been admitted on December 26 for
The wife of late European Parliament speaker David Sassoli, Alessandra Vittorini (2ndR), her children Giulio (R) and Livia (3rdR) stand by as pallbearers carry Sassoli's coffin for a Lying in state ceremony on January 13, 2022 at Capitoline Hill in Rome. - Sassoli died on January 11, 2022 in the hospital where he had been admitted on December 26 for

“Sarà dura, durissima, ma in questi anni ci hai dimostrato che niente è impossibile”. Con queste parole Alessandra Vittorini ha concluso un messaggio rivolto al marito David Sassoli, al termine del funerale di Stato dello scomparso presidente del Parlamento europeo.

“Ci siamo cercati e trovati sui banchi di scuola. In questo tempo lo stare insieme ha fatto i conti con altro e altrove”, ha ricordato. “Ti abbiamo sempre diviso e condiviso con altri, famiglia e lavoro, famiglia e politica, famiglia e passioni.
Altri luoghi e altri impegni con cui hai costruito con tenacia il tuo modo di essere, di fare, i tuoi valori. Noi siamo stati il tuo punto fermo ma dividerti e condividerti con altri ha prodotto questa cosa immensa a cui stiamo assistendo in queste ore, e che abbiamo visto nei fiori e nei biglietti trovati l’altro ieri attaccati al portone in strada”.

Vittorini ha ricordato le parole del marito un paio di settimane prima delle morte. “Ho avuto una vita bella, decisamente molto bella. E finirla a 65 anni è davvero troppo presto”. “Questo mi dicevi solo due settimane fa, quando avevi capito già tutto, mentre noi giocavamo a nasconderci la realtà, sperando l’impossibile.
Troppo presto davvero”.

″È troppo presto - ha concluso - per le tante cose che avevamo ancora da dirci, per il futuro che progettavamo per noi due e i nostri ragazzi. Ce le diremo ancora quelle cose, penseremo ai progetti e immagineremo il futuro. Cammineremo certi della tua presenza, che ci accompagnerà ancora ma in un altro modo, più denso e profondo. Il vuoto prodotto da una perdita può trasformarsi in pieno”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli