Il coronavirus nel mondo, dall’8 al 12 febbraio

·1 minuto per la lettura
Il coronavirus nel mondo, dall’8 al 12 febbraio
Il coronavirus nel mondo, dall’8 al 12 febbraio

Roma, 12 feb. (askanews) –

In Austria riaperti da lunedì 8 febbraio parrucchieri, barbieri e saloni di bellezza; però i clienti devono presentare all’ingresso la prova di un test negativo al Covid-19 effettuato entro le precedenti 48 ore, e indossare una mascherina FFP2.

Circola per le strade di Glostrup, sobborgo di Copenhagen, un “partybus” riadattato a centro di depistaggio: neon, discomusic e palloni sfaccettati ci sono ancora, ma ora serve a fare tamponi gratis senza appuntamento, basta presentare la tessera sanitaria.

A Berlino i locali dell’ex aeroporto della capitale, Berlin-Tegel, chiuso nel novembre 2020, sono stati riciclati come centro di vaccinazione contro il Covid-19. L’operazione comincia con 200 vaccinazioni al giorno e salirà fino a 1000 secondo disponibilità dei vaccini; qui si immunizzano persone fra i 18 e i 64 anni con siero AstraZeneca.

Inventiva da Covid: Dot McCarthy di Blackburn in Inghilterra ha pensato di affittare le capre della sua tenuta Cronkshaw Fold Farm per effettuare comparsate via smartphone e allietare le riunioni Zoom dei clienti.

La Catalogna va al voto domenica 14 per le cruciali elezioni locali fra alte misure di sicurezza anti-Covid: tuttavia, e nonostante le rassicurazioni della Commissione elettorale, più di 20.000 scrutatori hanno declinato l’incarico.