Il corpo agonizzante di Giuseppe notato da una vicina di casa

·2 minuto per la lettura
Morto dopo un volo dal balcone: è giallo a Caserta
Morto dopo un volo dal balcone: è giallo a Caserta

È giallo sulla morte del 29enne Giuseppe, morto dopo essere caduto dal balcone della sua abitazione in via Giorgio La Pira a Caserta. Il ragazzo era morto nella serata del 22 marzo dopo essere arrivato ieri sera in ospedale in condizioni disperate. E secondo le risultanze delle indagini dei carabinieri della compagnia di Caserta, è quasi sicuramente caduto dal balcone: le lesioni sul corpo sono purtroppo compatibili con quel tipo di incidente. Si tratta di un balcone al terzo piano della casa in cui viveva con i suoi familiari come in casi simili che restituiscono le cronache nazionali A fare la macabra scoperta una vicina di casa, che aveva allertato i soccorsi, purtroppo invano.

Caduto dal balcone, morto a 29 anni

E sui perché di quel probabile volo è mistero fitto. Gli inquirenti stanno battendo tutte le piste, da quella del gesto insano a quella della caduta accidentale e di scenari ancor più foschi. La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha comunque disposto l’autopsia sulla salma del 29enne. Lo scopo è proprio quello di fare chiarezza sulle cause e sugli inneschi possibili del gesto qualora fosse accreditata la sua macabra intenzionalità. Dal canto loro gli inquirenti dell’arma hanno assunto a sit, sommarie informazioni testimoniali, i familiari di Giuseppe e i residenti di parco Costanza 1.

Le prime testimonianze

Il Mattino riposta alcune dichiarazioni di questi ultimi: “Non conoscevo Giuseppe, ma conosco la sua famiglia – le parole di un giovane vicino di casa – Era un ragazzo riservato, almeno tra noi del parco non era solito farsi notare. Quello che è accaduto ha dell’inverosimile. È successo tutto in un attimo. Quando mi sono affacciato dal balcone ho visto delle persone scappare. Non so se per paura o per altro, ma sono scappate”.