"Il Covid-19 attacca aggredisce anche la bocca ed il cavo orale. Si creano delle lesioni, simili all’afta"

Adele Sarno
·Social media editor, L'Huffington Post
·1 minuto per la lettura
Close up of human mouth inner, oral health concept, 3D rendering (Photo: Geerati via Getty Images)
Close up of human mouth inner, oral health concept, 3D rendering (Photo: Geerati via Getty Images)

Il Covid-19 attacca aggredisce anche la bocca ed il cavo orale. È il risultato clinico al quale è giunta una ricerca dell’odontoiatra trapanese Stefania Morici pubblicata sulla rivista scientifica “Journal of Medical Research and Health Education”. Lo studio ha preso in considerazione la cavità orale in pazienti, italiani e spagnoli, affetti da Covid, e sottolinea come vi si creino delle lesioni, simili all’afta, arrivando ad un’ulcera coperta da pseudo-membrane sulla superficie del labbro che, a sua volta, diventa necrotico. In alternativa, compaiono delle vesciche.


“Essendo il cavo orale lo specchio delle patologie a livello sistemico, ci siamo chiesti se l’infezione da Covid-19 poteva avere delle manifestazioni cliniche, delle lesioni dettagliate che potevano differenziarle da altre patologie a livello orale - spiega Stefania Morici -. Applicando le valutazioni su Covid hospital, ci siamo resi conto che, sia a livello organico, sia a livello locale, esistevano lesioni che vanno in diagnosi differenziale, ma che sono specifiche per il Covid”.


Secondo le cartelle ed i rapporti clinici e fotografici dei pazienti (forniti dalla professoressa Galvan Casas dell’Università di Madrid e dal reparto di Pneumologia dell’ospedale di Trapani), la bocca è anche un bersaglio del Covid-19, il quale si manifesta con lesioni di tipo virale nella bocca e nei tessuti periorali, a seguito di immunosoppressione da cause virali. I pazienti affetti da Covid-19 con forme gravi della malattia - evidenzia lo studio - presentano “un’ipercheratinizzazione circolare dell’epitelio, con lisi ematica in superficie a livello gengivale. Il virus si replica nell’epitelio polmonare e, quindi, si diffonde nella pelle e nelle mucose sotto forma di piccole maculo-papule eritematose che si rompono e si sviluppano in eruzioni coperte da croste”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.