Il Covid aumenta i panofobici: 6 milioni di italiani "hanno paura di tutto"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
- (Photo: MarioGuti via Getty Images)
- (Photo: MarioGuti via Getty Images)

Col Covid cresce il numero di italiani “panofobici”, coloro che hanno “paura di tutto”. Secondo i dati contenuti nell’ultimo “Rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia” di Censis e Federsicurezza, sono oltre 6 milioni le persone che, in casa o fuori, “vivono costantemente in stato d’ansia”. Tra di loro prevalgono le donne: sono quasi 5 milioni, il 17,9% della popolazione femminile complessiva. Ma sono presenti anche tra i giovani: 1,7 milioni, pari al 16,3% degli under 35.

Il rapporto evidenzia anche la crescita dei casi di violenza domestica: da marzo a ottobre 2020, nei mesi del lockdown e delle restrizioni anti-Covid, molte donne chiuse in casa sono state maggiormente esposte alla violenza di partner e conviventi. Le richieste di aiuto al numero antiviolenza e stalking 1522 sono state 23.071, il 71,9% in più rispetto alle 13.424 dello stesso periodo dell’anno precedente.

La qualità di vita delle donne è stata fortemente condizionata: il 75,8% ha paura di camminare per strada e di prendere i mezzi pubblici di sera, l′83,8% ha paura di frequentare luoghi affollati, l′88,5% ha paura di incontrare persone sconosciute sui social network, il 76,3% ha paura di condividere immagini sul web, il 22,5% ha paura di stare a casa da sola di notte.

Complessivamente, cala il numero dei reati: l’anno scorso nel nostro Paese - complice la pandemia - sono stati denunciati complessivamente 1.866.857 reati, il 18,9% in meno rispetto all’anno precedente: gli omicidi sono diminuiti del 16,4%, le rapine del 18,2%, i furti del 33%, i furti in appartamento del 34,4%. Nonostante ciò, per due terzi degli italiani (il 66,6% del campione) la paura di rimanere vittima di un reato non è diminuita e per il 28,6% è addirittura aumentata.

Nel dettaglio, il 75,4% degli italiani dichiara di non sentirsi sicuro quando frequenta luoghi affollati (la percentuale sce...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.