Il Covid uccide come il veleno del serpente a sonagli

·2 minuto per la lettura

AGI - è un enzima presente anche nel veleno del serpente a sonagli il meccanismo chiave responsabile della mortalità da Covid-19. A individuarlo, i ricercatori dell'Università dell'Arizona, in collaborazione con la Stony Brook University e la Wake Forest University School of Medicine nello studio pubblicato su Journal of Clinical Investigation.

I ricercatori hanno analizzato campioni di sangue di due coorti di pazienti con Covid-19, una di 127 pazienti ricoverati presso la Stony Brook University tra gennaio e luglio 2020 e una seconda coorte indipendente di 154 campioni di pazienti raccolti sempre dalla Stony Brook e Banner University Medical Center di Tucson tra gennaio e novembre 2020.

I ricercatori hanno scoperto che la circolazione dell'enzima fosfolipasi A2 gruppo IIA secreta, o sPLA2-IIA - può essere il fattore più importante responsabile della mortalità nei pazienti con Covid. L'enzima sPLA2-IIA ha caratteristiche simili a un enzima presente nel veleno del serpente a sonagli, si trova in basse concentrazioni in individui sani e svolge un ruolo fondamentale nella difesa contro le infezioni batteriche.

"Si tratta di piccole coorti, è vero, ma è stato uno sforzo eroico ottenerle e tutti i parametri clinici associati da ciascun paziente in queste circostanze", hanno detto i ricercatori. "A differenza della maggior parte degli studi ben pianificati nel corso degli anni, questo è avvenuto in tempo reale nel reparto di terapia intensiva". I ricercatori hanno analizzato migliaia di dati dei pazienti utilizzando algoritmi di apprendimento automatico.

Oltre ai tradizionali fattori di rischio come l'età, l'indice di massa corporea e le condizioni preesistenti, il team si è concentrato anche sugli enzimi biochimici, nonchè sui livelli dei metaboliti lipidici dei pazienti. "I metaboliti che sono emersi hanno rivelato una disfunzione dell'energia cellulare e alti livelli dell'enzima sPLA2-IIA. Il primo era previsto ma non il secondo" aggiungono gli autori.

Utilizzando gli stessi metodi di apprendimento automatico, i ricercatori hanno sviluppato un albero decisionale per prevedere la mortalità da Covid-19. La maggior parte degli individui sani ha livelli circolanti dell'enzima sPLA2-IIA che si aggirano intorno a mezzo nanogrammo per millilitro.

Secondo lo studio, il Covid-19 è stato letale nel 63% dei pazienti con Covid-19 grave e livelli di sPLA2-IIA pari o superiori a 10 nanogrammi per millilitro. "Molti pazienti che sono morti di Covid-19 avevano alcuni dei livelli più alti di questo enzima che siano mai stati riportati", ha detto Floyd Chilton, che ha studiato l'enzima per oltre tre decenni ed è co-autore dello studio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli