Il decesso di molti video dato da una nota radio francese ha sconvolto il web

·2 minuto per la lettura
errore rfi morte vip
errore rfi morte vip

La Regina Elisabetta sarebbe morta così come il leggendario campione Pelé? Sì secondo un errore tecnico provocato dalla radio Francese Rfi che ha pubblicato sul suo sito internet molte morti eccellenti e celebri del mondo dello spettacolo, dello sport e non solo. Quella che potrebbe essere definita almeno a parole una morte di massa di persone celebri naturalmente non è accaduta per davvero.

L’errore infatti sarebbe dovuto alla preparazione di necrologi dedicati a persone famose però ormai in età avanzata, che tuttavia sarebbero stati pubblicati per errore lunedì 16 novembre. Il disguido ha poi portato a scatenare letteralmente il web con moltissime condivisioni e post sui social. La vicenda si è poi conclusa con il post di scuse da parte della radio Francese.

L’errore di RFI sulle morti dei VIP

Un errore della radio francese RFI (Radio France International ndr) ha sconvolto il web. Sul sito internet della nota radio francese sono stati pubblicati diversi necrologi riguardanti persone eccellenti della scena politica, dello spettacolo, dello sport e non solo. Dalla Regina Elisabetta, passando per Pelé arrivando ad Alain Delon, Sophia Loren, l’ex Presidente degli USA Jimmy Carter o ancora l’attore Jean-Paul Belmondo. Sarebbero tutti deceduti se non fosse per fatto che nulla di tutto ciò sarebbe accaduto veramente. I più attenti inoltre si sono accorti di un importante dettaglio che accomunerebbe tutti i testi pubblicati vi sarebbero state delle x al posto delle date.

La vicenda si è conclusa con la scusa da parte di RFI e le smentite di molti dei diretti interessati su Twitter. “L’annuncio della mia morte sul sito di Rfi è prematuro”, ha dichiarato il filosofo Edgar Morin. “Sì, sono ancora viva e in gran forma. Ho ancora tanti progetti da realizzare che, quando sarà il momento, questa notizia sarà decisamente obsoleta”, ha scritto invece la nota cantante e attrice Line Renaud.