Il Decreto Infrastrutture del Governo contiene una serie di novità importanti e piccole “rivoluzioni"

·3 minuto per la lettura
Decreto Infrastrutture e nuovo Codice della Strada: cosa cambierà
Decreto Infrastrutture e nuovo Codice della Strada: cosa cambierà

Dallo smartphone alla guida al foglio rosa passando per i monopattini: ecco cosa cambia con il nuovo Codice della Strada. Il Decreto Infrastrutture del Governo Draghi contiene una serie di novità importanti e piccole “rivoluzioni”. L’atto ha avuto il si del Senato il 4 novembre ed entro il 10 novembre sarà in Gazzetta Ufficiale, e le novità per automobilisti e pedoni sono tante, vediamo quali.

Decreto Infrastrutture e Nuovo Codice della Strada: occhio ai dispositivi mentre si guida, alle strisce blu e alle soste “rosa”

In tema di strumenti da non utilizare alla guida non sono più banditi i soli cellulari, ad essi si aggiungono “smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante”. Sosta vietata, previste multe raddoppiate e sottrazione di punti triplicata per chi la mette in atto su aree riservate a mezzi per il trasporto di disabili. Strisce blu, saranno gratuite per le persone con disabilità previo contrassegno. Più parcheggi poi “rosa”, riservati alle donne in gravidanza e ai genitori con figli fino a due anni.

Casco sulle due ruote, monopattini con le frecce, foglio rosa e incentivi per la patente: cosa dice il nuovo Codice della Strada

Moto e motocicli, in tema di casco verrà sanzionato il conducente se “qualunque” trasportato non lo indossa, prima si sanzionava lo stesso solo se il trasportato era minorenne. E per i controversi monopattini? Niente obbligo di casco e di targa, ma diventano obbligatorie le frecce, gli stop e i freni su entrambe le ruote. I mezzi non potranno superare i 6 km/h quando circolano nelle aree pedonali. E dovranno viaggiare non oltre i 20 km/h (non più a 25) in tutti gli altri casi. Foglio rosa, non sarà più valido 6 mesi ma un anno e l’esame per la patente B potrà essere ripetuto tre volte. Per conseguire la stessa è previsto un contributo fino mille euro per i giovani fino a 35 anni o per chi riceve reddito di cittadinanza o ammortizzatori sociali. Attenzione però: chi lo richiede dovrà dimostrare di voler lavorare nel settore dell’autotrasporto e a tre mesi massimi dall’attestato, infatti, dovrà avere un contratto di lavoro come conducente.

Chi paga le multe sul noleggio, ricariche elettriche smart e strisce pedonali, il nuovo Codice della Strada cambia tutto

Novità anche per le auto a noleggio: il cliente della società di noleggio pagherà lui le infrazioni commesse mentre è alla guida, non più la società. Gli spazi per le ricariche di auto elettriche dovranno essere occupati solo nell’arco di tempo necessario per “fare il pieno” all’accumulatore. Sui passaggi zebrati i conducenti dei veicoli devono dare la precedenza “non solo ai pedoni che hanno iniziato l’attraversamento, ma anche a quelli che si stanno accingendo a effettuare l’attraversamento”.

Emissioni di Co2, messaggi offensivi, telecamere e relazioni dei comuni sulle multe: il nuovo Codice della Strada sarà inflessibile

Per la riduzione delle emissioni di Co2 a partire dal 30 giugno 2022 sarà vietata la circolazione dei veicoli di categoria M2 e M3 con caratteristiche Euro 1. Dal primo gennaio 2023 invece sarà vietata la circolazione alle stesse categorie di mezzi con caratteristiche Euro 2. Infine dal primo gennaio 2024 il divieto riguarderà i mezzi Euro 3. C’è poi l’inciso che ha fatto gridare una parte del centrodestra ad una riesumazione sotto mentite spoglie del Ddl Zan. Quale? Quello sui messaggi disseminati lungo le strade: viene infatti vietata qualsiasi forma di pubblicità dal contenuto considerato sessista o violento. Si parla di “messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso o dell’appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all’orientamento sessuale, all’identità di genere o alle abilità fisiche e psichiche”. Previste infine telecamere ai passaggi a livello e relazione annuale degli enti locali sulle multe.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli