Il Decreto Riaperture contiene le regole per la riapertura dei cinema in zona gialla: ecco quali

·3 minuto per la lettura
Cinema, le riaperture dal 26 aprile in zona gialla e le regole da seguire
Cinema, le riaperture dal 26 aprile in zona gialla e le regole da seguire

Il 26 aprile, con l’entrata in vigore delle misure del Decreto Riaperture firmato dal governo Draghi, potranno riaprire anche le sale cinematografiche che si trovano in zona gialla, tuttavia queste dovranno attenersi al rispetto delle norme contenute nel suddetto decreto, scopriamo quali sono.

Cinema: le riaperture dal 26 aprile

All’interno dell’articolo 5 del Decreto Riaperture siglato dal governo di Mario Draghi, sono contenute le normative in merito allo svolgimento di spettacoli aperti alla fruizione del pubblico, tra questi vi sono certamente quelli offerti dalle sale cinematografiche.

Nei giorni scorsi, l’Anec aveva commentato la notizia delle riaperture con un comunicato, esprimendosi così a riguardo:

“La notizia della riapertura delle sale cinematografiche il 26 aprile segna un nuovo e ulteriore segnale per una possibile graduale ripartenza. Il settore cinema è presente nell’agenda del governo e questo è un fatto. Spesso si è eccepito sul fatto che dei temi dei luoghi dello spettacolo si parlasse poco o addirittura nulla”.

E ancora:

L’apertura come noto è possibile nelle zone gialle, stato in cui dovrebbero spostarsi la maggior parte delle regioni fra l’ultima settimana di aprile e la prima di maggio. Un altro passo avanti considerando che finora era stabilito che tutti saremmo rimasti in zona arancione fino al 30 aprile.

I protocolli sanitari per ora restano quelli previsti per le riaperture del 27 marzo, ivi compresi il coprifuoco nazionale alle ore 22, e il divieto di consumazione e vendita di cibi e bevande.

Rispetto al protocollo per le sale cinematografiche inserito nel DPCM del 2 marzo 2021, unica novità che rappresenta un avvicinamento alle misure già in essere ad ottobre 2020 è l’aumento della capienza.

Cinema: le regole da seguire

Saranno circa 120 su 1400, a livello nazionale, le sale cinematografiche che riapriranno i battenti a partire dal 26 aprile, secondo i numeri comunicati dall’Anec.

Ecco le normative che i titolari delle sale cinematografiche in zona gialla, che riapriranno a partire dal 26 aprile, saranno tenuti a far rispettare ai propri spettatori.

Capienza nelle sale e posti a sedere

I titolari delle sale cinematografiche dovranno preassegnare i posti a sedere agli spettatori, che dovranno posizionarsi rigorosamente a distanza di almeno un metro l’uno dall’altro, così come indicato nel Decreto Riaperture.

La capienza che è stata consentita, secondo quanto indicata nel Decreto Riaperture “è pari al 50% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all’aperto”.

Il Governo si riserva di poter aumentare il numero di spettatori consentito, in base all’andamento della situazione epidemiologica nazionale e locale, ma in ogni caso solo relativamente agli spettacoli all’aperto.

Uso delle mascherine

Gli spettatori che vorranno assistere agli spettacoli programmati all’interno delle sale cinematografiche dovranno tenere indossata la mascherina per l’intera durata della proiezione e della loro permanenza all’interno del cinema. Condizione ritenuta indispensabile per garantire la sicurezza di tutti gli spettatori.

Coprifuoco e ultimo spettacolo

Poichè l’orario del coprifuoco nazionale fissato alle ore 22 è rimasto invariato nell’ultimo Decreto Riaperture, per consentire un rientro a casa in orario adeguato, l’ultimo spettacolo dei cinema sarà programmato per le ore 19.30.

Programmazione nelle sale

Secondo quanto annunciato dall’Anec, l’annuncio repentino della riapertura delle sale cinematografiche avrebbe causato un problema ossia quello che “non ci sono molti film da portare in sala, la programmazione delle uscite richiede circa quattro/cinque settimane“.

Per questo motivo i Cinema proporranno la visione di film che hanno vinto premi Oscar o che saranno premiati alla prossima cerimonia dei David di Donatello in programma per la giornata dell’11 maggio.