Il design all’aperto, nella Biblioteca degli Alberi di Milano

featured 1607321
featured 1607321

Milano, 12 mag. (askanews) – Una rassegna di quattro giorni dedicata al design outdoor tra i prati della Biblioteca degli Alberi di Milano: in uno dei più suggestivi spazi verdi della città e all’ombra dei grattacieli va in scena la seconda edizione di BAM Open Air Design. Una manifestazione ideata da COIMA Image all’interno del programma culturale di BAM, un progetto della Fondazione Riccardo Catella, partita dalla visione di Alida Catella, Ceo di COIMA Image. “Ho capito che bisognava rivalutare l’outdoor – ha spiegato ad askanews – e quale spazio migliore di questo parco di 90mila metri quadrati di BAM. Per la prima volta abbiamo pensato che delle installazioni per esterni, che non sono solo un prodotto, ma rappresentano delle aziende che seguono il principio dell’economia sostenibile, potessero essere il modo migliore per rappresentare il design come incontro tra natura e cultura”.

Nove le aziende partecipanti e ciascuna di loro ha a disposizione un “White Circle”, uno spazio circolare in cui sono stati allestiti pezzi importanti delle loro collezioni. In questo modo si crea una sorta di museo del design diffuso tra gli alberi, che mette in dialogo la creatività e l’ambiente e propone una serie di eventi, talk e workshop. Nell’ambito della programmazione della Biblioteca degli Alberi, di cui Francesca Colombo è direttore generale. “E’ un approfondimento – ci ha spiegato – è una dimostrazione di come un singolo oggetto possa avere una grande storia da raccontare ed è questa la filosofia che abbiamo voluto nell’ospitare qui l’Open Air Design, perché il design è uno dei linguaggi del programma culturale di BAM”.

La rassegna è in programma fino al 14 maggio e per l’occasione nei prati di Porta Nuova sono anche spuntati i papaveri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli