Il direttore dell’Agenzia italiana del Farmaco certifica la diminuzione dello “schermo” protettivo

·2 minuto per la lettura
Il professor Nicola Magrini
Il professor Nicola Magrini

Lui, Nicola Magrini, lo ha detto chiaramente in una intervista al Corriere della Sera: “Dopo 6 mesi un calo dell’immunità è atteso per ogni vaccino”. Il direttore dell’Agenzia italiana del Farmaco ha perciò certificato la diminuzione dello “schermo” protettivo che i vaccini contro il coronavirus registrano dopo un dato lasso temporale.

Dopo 6 mesi c’è un calo dell’immunità: Magrini spiega che è normale

Ha spiegato Magrini: “Un calo dell’immunità è atteso per ogni vaccino, inclusi quelli per il Covid-19, dopo i primi 4-6 mesi”. E ancora: “I dati disponibili mostrano che la protezione nei confronti di una malattia grave, ospedalizzazione o morte persiste stabilmente fino ad almeno 6 mesi dal completamento di un ciclo primario, mentre nei confronti delle forme leggere o moderate sembra ridursi con il passare dei mesi”.

Il calo dell’immunità dopo 6 mesi, Magrini: “Dall’89 al 76% con la Delta prevalente”

Il direttore dell’Aifa ha poi analizzato i dati italiani dell’Istituto superiore di sanità e spiegato che gli stessi “mostrano che l’efficacia vaccinale nel prevenire qualsiasi diagnosi sintomatica o asintomatica di Covid-19 nelle persone completamente vaccinate è diminuita”. In che misura però? “Passando dall’89% durante la fase epidemica con la variante Alfa prevalente, al 76% durante la fase con la variante Delta prevalente”.

Magrini: “Dopo 6 mesi un calo dell’immunità ma scudo contro l’ospedalizzazione ancora molto efficace”

Attenzione però: “Rimane sempre molto elevata l’efficacia vaccinale nel prevenire l’ospedalizzazione (92%), il ricovero in terapia intensiva (95%) o il decesso (91%) anche con la attuale variante Delta”. Poi la chiosa che fa il paio con l’indirizzo del governo: “Ecco perché abbiamo deciso di somministrare una dose booster, di richiamo, a partire dalle categorie a rischio, dopo sei mesi. ll richiamo è considerato una strategia consolidata per la maggior parte dei vaccini”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli