Il discorso della regina a Westminster: "Garantiremo il diritto dei cittadini Ue a rimanere"

Una nuova legge sull'immigrazione "getterà le basi per un sistema giusto, moderno e globale". Lo ha annunciato la regina Elisabetta II, nel suo discorso alle Camere riunite del Parlamento britannico, con cui si inaugura il nuovo anno legislativo e tradizionalmente si delineano le priorità del governo. "Il mio governo rimane impegnato nell'assicurare che i cittadini Ue residenti, che si sono integrati e hanno dato un contribuito al Regno Unito, abbiano il diritto di rimanere", ha garantito la sovrana. 

"Assicurare una Brexit il 31 ottobre è sempre stata una priorità del mio governo", ha aggiunto la sovrana, leggendo il programma del governo Boris Johnson a Westminster, "il mio governo intende lavorare per una nuova partnership con la Ue, basata su libero commercio e cooperazione di amicizia". "I miei ministri", ha assicurato leggendo un testo preparato dall'esecutivo, "lavoreranno per attuare nuovi regimi per la pesca, l'agricoltura, il commercio, cogliendo le opportunità che si presentano con l'uscita dalla Ue". 

I colloqui del Regno Unito con l'Unione europea per raggiungere un accordo sulla Brexit rimangono costruttivi ma c'è ancora molto lavoro da fare, ha intanto ha confermato un portavoce del primo ministro britannico, dopo che domenica il capo negoziatore della Ue, Michel Barnier, aveva detto che c'e' ancora un "significativo" lavoro da fare per ottenere un accordo.

Il portavoce, come riporta la Reuters, ha detto che Londra vuole fare progressi il più velocemente possibile, ma che entrambe le parti sono sotto forte pressione, con il Consiglio dei leader europei ormai alle porte.