"Questo è il governo del Paese". Il discorso di Draghi al Senato

·8 minuto per la lettura

AGI - Il presidente del Consiglio ha iniziato alle 10,15 il suo discorso in Senato per incassare quella che si annuncia come la fiducia più ampia della storia della Repubblica. Il voto è previsto in serata, dalle 22, mentre giovedì sarà la volta della Camera. 

Martedì la conferenza dei capigruppo ha stabilito i tempi del dibattito. Al termine del suo intervento, il premier si recherà alla camera per depositare il testo del discorso. La seduta riprenderà alle 12,30 per la discussione generale, per la quale sono state ripartite 6 ore e 40 minuti.

Dopo le prime tre ore, la discussione la seduta sarà sospesa fino alle 16,15 per la sanificazione dell'Aula. Il dibattito proseguirà poi fino alle 19,55 quando la seduta sarà nuovamente interrotta per una seconda sanificazione. La replica del premier e le dichiarazioni di voto si svolgeranno a partire dalle 20,40, seguirà quindi l'appello nominale per il voto di fiducia alle 23. L'esito dello scrutinio è previsto per la mezzanotte. 

Il discorso integrale di Mario Draghi

Ore 11,10 - Un governo senza alchimie politiche - "Questo è il terzo governo della legislatura. Non c'è nulla che faccia pensare che possa far bene senza il sostegno convinto di questo Parlamento. È un sostegno che non poggia su alchimie politiche ma sullo spirito di sacrificio con cui donne e uomini hanno affrontato l'ultimo anno, sul loro vibrante desiderio di rinascere, di tornare più forti e sull'entusiasmo dei giovani che vogliono un paese capace di realizzare i loro sogni. Oggi, l'unità non è un'opzione, l'unita' e' un dovere. Ma è un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: l'amore per l'Italia". 

Ore 11,07 - Le aspettative in Biden -  "L'avvento della nuova Amministrazione USA prospetta un cambiamento di metodo, più cooperativo nei confronti dell'Europa e degli alleati tradizionali. Sono fiducioso che i nostri rapporti e la nostra collaborazione non potranno che intesificarsi".

Ore 11,05 - Le preoccupazioni per la Russia e la Cina - "L'Italia si adopererà per alimentare meccanismi di dialogo con la Federazione Russa. Seguiamo con preoccupazione ciò che sta accadendo in questo e in altri Paesi dove i diritti dei cittadini sono spesso violati. Seguiamo anche con preoccupazione l'aumento delle tensioni in Asia intorno alla Cina"

Ore 11,00 - Sarà un governo atlantista ed europeista -  "Nei nostri rapporti internazionali questo governo sarà convintamente europeista e atlantista, in linea con gli ancoraggi storici dell'Italia: Unione europea, Alleanza Atlantica, Nazioni Unite. Ancoraggi che abbiamo scelto fin dal dopoguerra, in un percorso che ha portato benessere, sicurezza e prestigio internazionale. Profonda è la nostra vocazione a favore di un multilateralismo efficace, fondato sul ruolo insostituibile delle Nazioni Unite. Resta forte la nostra attenzione e proiezione verso le aree di naturale interesse prioritario, come i Balcani, il Mediterraneo allargato, con particolare attenzione alla Libia e al Mediterraneo orientale, e all'Africa".

Ore 10,57 - La riforma del fisco - "Nel caso del fisco non bisogna dimenticare che il sistema tributario è un meccanismo complesso, le cui parti si legano una all'altra. Non è una buona idea cambiare le tasse una alla volta. Un intervento complessivo rende anche piu' difficile che specifici gruppi di pressione riescano a spingere il governo ad adottare misure scritte per avvantaggiarli. Inoltre, le esperienze di altri paesi insegnano che le riforme della tassazione dovrebbero essere affidate a esperti, che conoscono bene cosa può accadere se si cambia un'imposta",

Ore 10,55 - Come spendere le risorse del Recovery - "Avremo a disposizione circa 210 miliardi lungo un periodo di sei anni. Queste risorse dovranno essere spese puntando a migliorare il potenziale di crescita della nostra economia. La quota di prestiti aggiuntivi che richiederemo tramite la principale componente del programma, lo Strumento per la ripresa e resilienza, dovrà essere modulata in base agli obiettivi di finanza pubblica. Il precedente Governo ha già svolto una grande mole di lavoro sul Programma di ripresa e resilienza. Dobbiamo approfondire e completare quel lavoro che, includendo le necessarie interlocuzioni con la Commissione Europea, avrebbe una scadenza molto ravvicinata, la fine di aprile"

Ore 10,47 - Prima o poi la luce ritorna, e tutto ricomincia come prima - "Quando usciremo, e usciremo, dalla pandemia, che mondo troveremo? Alcuni pensano che la tragedia nella quale abbiamo vissuto per più di 12 mesi sia stata simile ad una lunga interruzione di corrente. Prima o poi la luce ritorna, e tutto ricomincia come prima. La scienza, ma semplicemente il buon senso, suggeriscono che potrebbe non essere così".

Ore 10,39 - Dobbiamo occuparci di chi soffre - "Il Governo farà le riforme ma affronterà anche l'emergenza. Non esiste un prima e un dopo. Siamo consci dell'insegnamento di Cavour: 'le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l'autorità, la rafforzano'. Ma nel frattempo dobbiamo occuparci di chi soffre adesso, di chi oggi perde il lavoro o è costretto a chiudere la propria attività"

Ore 10,37 - La campagna vaccinale - "Gli scienziati in soli 12 mesi hanno fatto un miracolo: non era mai accaduto che si riuscisse a produrre un nuovo vaccino in meno di un anno. La nostra prima sfida è, ottenutene le quantità sufficienti, distribuirlo rapidamente ed efficientemente. Abbiamo bisogno di mobilitare tutte le energie su cui possiamo contare, ricorrendo alla protezione civile, alle forze armate, ai tanti volontari. Non dobbiamo limitare le vaccinazioni all'interno di luoghi specifici, spesso ancora non pronti: abbiamo il dovere di renderle possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private"

Ore 10,32 - "Ogni spreco oggi è torto per nostri figli". 

Ore 10,29 - L'euro è irreversibile - "Questo governo nasce nel solco dell'appartenenza del nostro Paese, come socio fondatore, all'Unione europea, e come protagonista dell'Alleanza Atlantica, nel solco delle grandi democrazie occidentali, a difesa dei loro irrinunciabili principi e valori. Sostenere questo governo significa condividere l'irreversibilita' della scelta dell'euro, significa condividere la prospettiva di un'Unione Europea sempre più integrata che approderà a un bilancio pubblico comune capace di sostenere i Paesi nei periodi di recessione". 

Ore 10,24 - Affrontare la crisi economica - Vorrei rivolgere un altro pensiero, partecipato e solidale, a tutti coloro che soffrono per la crisi economica che la pandemia ha scatenato, a coloro che lavorano nelle attività più colpite o fermate per motivi sanitari. Conosciamo le loro ragioni, siamo consci del loro enorme sacrificio e li ringraziamo. Ci impegniamo a fare di tutto perché possano tornare, nel più breve tempo possibile, nel riconoscimento dei loro diritti, alla normalità delle loro occupazioni"

Ore 10,22 - Il fallimento della politica - "Si è detto e scritto che questo governo è stato reso necessario dal fallimento della politica. Mi sia consentito di non essere d'accordo. Nessuno fa un passo indietro rispetto alla propria identità ma semmai, in un nuovo e del tutto inconsueto perimetro di collaborazione, ne fa uno avanti nel rispondere alle necessità del Paese, nell'avvicinarsi ai problemi quotidiani delle famiglie e delle imprese che ben sanno quando è il momento di lavorare insieme, senza pregiudizi e rivalità". 

Ore 10,18 - Informare i cittadini - "Ci impegniamo a informare i cittadini di con sufficiente anticipo, per quanto compatibile con la rapida evoluzione della pandemia, di ogni cambiamento nelle regole"

Ore 10,16 - Combattere la pandemia - "Il primo pensiero che vorrei condividere, nel chiedere la vostra fiducia, riguarda la nostra responsabilità nazionale. Il principale dovere cui siamo chiamati, tutti, io per primo come presidente del Consiglio, è di combattere con ogni mezzo la pandemia e di salvaguardare le vite dei nostri concittadini. Una trincea dove combattiamo tutti insieme. Il virus è nemico di tutti".

Ore 10,16 - L'Aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio in ricordo di Franco Marini, scomparso nei giorni scorsi. "È stato un vero uomo del popolo, per tutta la vita al servizio dei cittadini. Un sindacalista di razza. Sempre pronto al confronto, anche duro quando necessario, ma comunque volto a costruire, mai ad alimentare conflitti. Un uomo di poche parole, ma ogni volta concrete, autorevoli, incisive. Un politico appassionato", ha detto il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ricordando l'ex presidente. 

Ore 10,00 - L'arrivo in Senato - Puntuale, Mario Draghi si è presentato alle 10 nell'aula del Senato per il discorso per la fiducia per la nascita del suo governo. Accanto a lui, sui banchi del governo, i ministri dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti e del'Agricoltura Stefano Patuanelli. Sugli scranni davanti a Draghi il sottosegretario Roberto Garofoli e le ministre dell'Interno Luciana Lamorgese e della Giustizia Marta Cartabia. Patuanelli e Giorgetti appartengono ai due partiti che esprimono i due piu' corposi gruppi parlamentari in Senato, il Movimento 5 stelle (92 senatori) e la Lega (63). Patuanelli indossa una mascherina nera, mentre il vice segretario leghista ha la spilletta con Alberto da Giussano e la cravatta verde, d'ordinanza ai tempi della Lega Nord. Giorgetti, d'altronde, era stato fotografato, al suo arrivo al Quirinale per il giuramento, sabato scorso, con una mascherina con il 'Ducale', simbolo dell'Insubria (sua terra d'origine). Mascherina poi tolta durante la cerimonia.