Il discorso di Greta Thunberg a Torino

"Dobbiamo combattere per il domani, noi siamo la speranza. Non possiamo fermarci non è un'opzione ". Così dal palco in Piazza Castello, a Torino, dove ha partecipato al 50^ presidio del movimento Friday For Future torinese, Greta Thunberg. L'attivista svedese è arrivata ieri mattina a Torino a bordo di una Tesla elettrica, indossando cappellino e tuta grigi, scarpe da ginnastica e l'inconfondibile impermeabile giallo.

Prima di salire sul palco, la 16enne ha incontrato al Teatro Regio la sindaca Chiara Appendino quindi una delegazione di quattro referenti del movimento Fridays for Future. " Il 2020 - ha detto Greta Thunberg - è l'anno delle azione. L'anno in cui ci impegneremo perché taglino le emisissioni. Dobbiamo essere uniti. Siete con me?". Ed ancora: "Non possiamo più dare per scontato il domani, noi giovani vivremo quel domani. In meno di tre settimane entreremo in una nuova decade, che deciderà il nostro futuro. Quello che faremo o non faremo cambierà il futuro e I nostri figli e nipoti vivranno in quel futuro".

Greta per la prima volta a Torino ha avuto parole di apprezzamento per la città, che già l'aveva colpita quando aveva ritwittato la foto del numeroso corteo del 27 settembre scorso. "Torino, credo sia meravigliosa, è veramente bellissima, anche se sfortunatamente non ho potuto spendere molto tempo a fare la turista, sono molto felice di essere qui".

"Un paio di mesi fa ho visto le foto dei cortei di Torino con le strade piene e mi ha dato speranza, vedere così tante persone. Grazie a tutti. Sono sicura che vi impegnerete per il nostro futuro". Greta ha quindi salutato Torino: "Dopo questo andrò a casa, con ancora un paio di tappe lungo la strada e arriverò prima di Natale. Dopo mi prenderò una pausa durante le vacanze, perché bisogna prendersi delle pause, bisogna riposare. Non so quanto durerà la pausa, non troppo, ma abbastanza per essere ben riposata".

E proprio Torino potrebbe ospitare, la prossima estate, il meeting internazionale di Fridays For Future. L'annuncio è stato dato oggi in piazza Castello dai ragazzi che hanno roganizzato la manifestazione. Altra candidata ad ospitare l'evento è la città di Dresda.