Il dittatore nordcoreano esalta le armi atomiche

Kim Jong-un: "Grazie all'atomica riusciremo a difenderci"

Dopo aver esaltato il suo operato nella gestione dell’emergenza Coronavirus, durante le celebrazioni del 67mo anniversario della fine della Guerra di Corea del 1950-1953, tenutesi lunedì 27 luglio, Kim Jong-un ha detto che il Paese ha sviluppato armi nucleari per avere la “forza assoluta” ed evitare un’altra guerra. “Grazie all’atomica siamo in grado di difenderci di fronte a qualsiasi forma di pressione ad alta intensità e minacce militari di forze imperialiste e ostili”, ha dichiarato il politico nordcoreano.

“Grazie all’atomica sapremo difenderci”

Così si è espresso Kim Jong-un nel resoconto dell’agenzia ufficiale Kcna, parlando a un evento organizzato per i veterani del sanguinoso conflitto: “Grazie al nostro affidabile ed efficace deterrente nucleare di autodifesa, non ci sarà più una parola come guerra su questa terra. La sicurezza nazionale e il futuro del nostro Paese saranno garantiti per sempre”. Le considerazioni del leader nordcoreano sono maturate nel mezzo dello stallo negoziale con gli USA sullo smantellamento dei piani nucleari e missilistici, mentre i rapporti con Seul sono tornati a essere tesi.

L’incontro fra Kim e Trump

Kim e il presidente americano Donald Trump si sono incontrati la prima volta a giugno del 2018 a Singapore facendo sperare nella fine negoziata alle minacce nordcoreane. Il secondo vertice fra i due si è tenuto a febbraio del 2019 in Vietnam e i successivi incontri, compreso quello al confine intercoreano di Panmunjom, si sono risolti in un nulla di fatto. A dicembre 2019 Kim ha dichiarato la fine della moratoria volontaria sui test nucleari e missilistici: Pyongyang non avrà più colloqui in assenza di un cambio delle politiche ostili degli Usa verso il Nord.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.