Il dottor Prentiss Madden incastrato da alcuni video scovati dalla polizia a caccia di pedofili

·1 minuto per la lettura
Prentiss Madden
Prentiss Madden

Orrore puro e giustizia riparatoria durissima in Florida, dove un veterinario ha rapporti con i cani che ha in cura: l’uomo è stato condannato a 22 anni di carcere per abusi. Secondo quanto riporta il Miami Herald il veterinario Usa Prentiss Madden sarebbe stato incastrato da alcuni video scovati dalla polizia a caccia di pedofili. Ma cosa era successo? Che quel medico che raccoglieva randagi e che postava foto amorevoli con gli amici a quattro zampe pare fosse un vero orco.

Veterinario ha rapporti con i cani: l’indagine partita da un giro di pedo pornografia online

Tutto aveva avuto origine da una segnalazione di una società di cloud che aveva rilevato come ad un indirizzo IP esaminato corrispondesse una memoria esterna con più di 1.500 files di pedo pornografia. Quell’indirizzo IP corrispondeva ad uno spot della clinica per animali che il 40enne medico dirigeva nella città di Aventura.

La perquisizione e l’orrore: quel veterinario si era filmato mentre aveva rapporti con i cani

A quel punto era scattata l’indagine con relativa perquisizione, e proprio in quell’occasione gli agenti avevano trovato l’orrore: non solo le prove dell’attitudine del 40enne a navigare e scaricare materiale pedo pornografico, ma anche video agghiaccianti filmati da lui stesso mentre violentava i cani che aveva in cura

L’ammissione di colpa del veterinario anche sui rapporti con i cani e la severa condanna

Molti di essi erano cani con padroni che sono rimasti inorriditi nel conoscere la sorte dei loro amici affidati a Madden per stare meglio. All’esito del processo che è scaturito da questa sordida vicenda e della dichiarazione di colpevolezza rilasciata dallo stesso imputato, un giudice distrettuale ha condannato l’uomo a 22 anni di galera.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli