Il dramma di Francesco Chiofalo: "Ero paralizzato". Il suo racconto

Il dramma di Francesco Chiofalo:
Il dramma di Francesco Chiofalo: "Ero paralizzato". Il suo racconto (Foto Instagram)

Dopo una lunga pausa che ha fatto preoccupare tutti i suoi fan, Francesco Chiofalo è tornato finalmente sui social network e ha raccontato che cosa gli è successo. Le ultime notizie di lui erano che era stato male tanto da finire in ospedale a Catania e, pochi giorni dopo, era stato visto su una sedia a rotelle all'aeroporto di Fiumicino.

LEGGI ANCHE: L’ex volto di Temptation Island parla delle sue condizioni e rivela dettagli molto delicati

"Era tanto tempo che non mi facevo vedere su Instagram. Purtroppo sono stato male e ora voglio raccontare cosa mi è successo, non perché io sia costretto ma in tanti vi siete preoccupati e mi sembra carino darvi delle spiegazioni", ha detto Francesco Chiofalo, che ha aggiunto: "Per quattro giorni ho avuto la gamba e il braccio destro paralizzati, ero terrorizzato, pensavo di rimanere invalido".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Francesco Chiofalo, Guenda Goria lo difende dalle critiche per essersi mostrato in ambulanza

"Mi trovavo in Sicilia, ospite in una discoteca, e mi sentivo bene, andava tutto bene. Quando a un certo punto il braccio e la gamba destra si sono paralizzati e poi hanno iniziato a tremare", ha raccontato Francesco Chiofalo, "naturalmente mi è preso un colpo, mi sono detto 'cosa sta succedendo?'. Le persone che erano con me hanno deciso immediatamente di chiamare un'ambulanza e mi hanno portato d'urgenza al pronto soccorso di Catania e poi a Roma".

LEGGI ANCHE: Chiofalo si rimette in piedi dopo il ricovero e cammina con le stampelle

Francesco Chiofalo ha spiegato che nella sua città è stato circondato dall'amore dei parenti, della fidanzata Drusilla Gucci e degli amici. L'ex pupo del programma "La pupa e il secchione" ha continuato: "Questa situazione di paralisi e tremore è durata quattro giorni. Io l'ho vissuta malissimo, ho pensato al peggio, ho pensato che sarei rimasto invalido. Psicologicamente sono stato malissimo. Per me la cosa più pesante è stata non riuscire a camminare e dover andare in giro con una sedia a rotelle, ho vissuto un incubo".

Per fortuna adesso la situazione è migliorata: "Dopo quattro giorni la gamba e il braccio hanno smesso di tremare e sono riuscito a muovermi di nuovo. Cosi mi hanno dimesso dall'ospedale. Sembra che questa cosa sia successa per un effetto collaterale dell'operazione al cervello che ho subito anni fa, ma sembra che io non debba operarmi un'altra volta alla testa. L'importante è che io adesso stia bene, mi sono ripreso".

LEGGI ANCHE: Francesco Chiofalo sulla sedia a rotelle: come sta