Il farmaco da 2 euro che può salvare migliaia di donne

Lo studio è stato condotto in 193 ospedali di 21 paesi, principalmente Asia e poi Africa, le zone più colpite dalla patologia post parto.(Getty)

L’emorragia post parto è la principale causa di morte legata alla gravidanza, ogni anno colpisce 100mila donne nei paesi in via di sviluppo. Un farmaco da pochi euro potrebbe salvarle. Si tratta dell’acido tranexamico e costa circa due euro e mezzo. Potrebbe salvare un gran numero di donne dall’emorragia post parto. La sua efficacia è stata dimostrata dal trial Woman, su oltre 20mila donne, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lancet.

Lo studio è stato condotto in 193 ospedali di 21 paesi, principalmente Asia e poi Africa, le zone più colpite dalla patologia post parto. Alle donne a cui è stata diagnostica l’emorragia post parto è stato somministrato un grammo del farmaco, che costa circa due euro e mezzo, o un placebo. Nelle donne trattate la mortalità è calata del 20 per cento, raggiungendo la soglia del 31 per cento se il farmaco viene somministrato entro tre ore.

Nelle donne trattate la mortalità è calata del 20 per cento. (Getty)

I risultati sono molto importanti per le donne nei paesi in via di sviluppo ma anche per quelle occidentali. “Questo trattamento farmacologico costa pochissimo e riduce sensibilmente il sanguinamento”, commento Giancarlo Maria Liumbruno, direttore generale del Centro nazionale sangue. “I risultati erano attesi perché dimostrano l’importanza del Patient Blood Management, cioè l’ottimizzazione della risorsa sangue del paziente prima, durante e dopo un intervento anche in ostetricia, mentre finora avevamo dati solo in traumatologia”.

Il farmaco non è nuovo, è stato scoperto negli anni ’60 da una coppia di ricercatori giapponesi, Shosuke e Utako Okamoto, che ne avevano già allora suggerito l’applicazione nel parto senza però trovare sostegno, anche se è usato in altre situazioni in cui occorre ridurre il sanguinamento, come avviene in caso di interventi chirurgici. 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità