Il Festival Che Non Ci Sarà, voce gentile della cultura

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 dic. (askanews) - Un non festival per il pubblico che non parteciperà, ma che vuole comunque, con la forza della metafora concettuale, ma anche dell'ironia, ricordare e sostenere tutte quelle manifestazioni culturali che il 2020 devastato dal Covid ha visto quasi sempre annullate o cancellate. Il 32 dicembre, da mezzanotte alle 6, è dunque fissato l'appuntamento con Il Festival Che Non Ci Sarà.

"Il progetto - ha spiegato ad askanews Andrea Amichetti, ideatore e direttore artistico del festival - è nato dal nostro lavoro, noi con Zero ci occupiamo di eventi, questi festival sono nostri partner e invece che forzare, dire cosa ci mancava, ululare e protestare, abbiamo pensato di chiedere a tutti di immaginarsi qualcosa che non c'è".

Il potere dell'immaginazione è al centro del Festival, e soprattutto pone le basi per quello che immaginiamo possa essere il futuro della cultura dal vivo. Ma cosa ci sarà dopo?

"Tutto. Perché l'immaginazione - ci ha risposto il direttore - fa stare insieme, fa stare da soli, apre un mondo immenso davanti a noi. Io penso che tutto quello che è la cultura, l'intrattenimento, hanno bisogno in questo momento di gesti decisi, ma gentili e ci immaginiamo dopo tante persone che facciano comunità tra di loro e si aiutino, partendo anche da poche cose".

Il palinsesto della manifestazione sarà composto proprio da queste forze vive della creazione artistica contemporanea - festival, enti, associazioni - alle quali andranno i proventi dell'operazione.

"Si aiutano poi tutti i festival, ma si aiuta ognuno di noi - ha concluso Andrea Amichetti -. Perché tu ti immagini di andare a sentire tutte quelle persone che suonano o che recitano, ti immagini un festival he non c'è, che probabilmente ci sarà un giorno".

Un giorno che, speriamo, non sia troppo lontano.