Il figlio di Anastasi: "Aveva la SLA, ha chiesto la sedazione assistita"

Gianluca Anastasi, figlio dell'ex bomber di Juventus e Inter, racconta gli ultimi giorni del padre: "Tre anni fa gli era stata diagnosticata la SLA".

Il calcio piange la morte di Pietro Anastasi: l'ex attaccante di Juventus e Inter se n'è andato venerdì sera all'età di 71 anni, al culmine della sofferenza per la malattia che lo aveva colpito.

Intervenuto ai microfoni di 'ANSA', il figlio Gianluca ha rivelato che il padre soffriva di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica), patologia che in passato si è portata via anche altri calciatori come Gianluca Signorini e Stefano Borgonovo.

"Papà aveva la Sla, che gli era stata diagnosticata tre anni fa dopo essere stato operato di un tumore all'intestino. Gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti e lui giovedì sera quando era ricoverato all' ospedale 'di Circolo' di Varese ha chiesto la sedazione assistita per poter morire serenamente. Ha scelto lui giovedì sera di andarsene. Ha chiamato mia mamma e ci ha detto di volerla subito".

E' stato lo stesso Anastasi dunque a voler mettere fine agli atroci patimenti che erano ormai diventati insostenibili. Anche per un guerriero come Pietruzzo.