Il figlio di Graziella Bortolotta è indagato

·2 minuto per la lettura
Ardea
Ardea

Il figlio della 68enne trovata morta in casa con una ferita alla testa ad Ardea è indagato. L’uomo ha dichiarato di essere andato al lavoro.

Omicidio Ardea, indagato il figlio della 68enne trovata morta: le sue parole

Il figlio di Graziella Bortolotta, donna di 68 anni trovata morta nella sua abitazione di Ardea, con una ferita alla testa, ha parlato ai microfoni della trasmissione Chi l’ha visto. “Dì la verità e ti prendi solo tre anni, se lo scopriamo noi rischi trent’anni anni di carcere. Ma io non posso dire bugie, se devo farmi trent’anni me li faccio, vado a processo, ma non posso dire che ho ucciso mia madre, è una bugia, me la sono tenuta vicina per quarant’anni. Che faccio, ammazza mamma dopo che l’ho curata per quarant’anni? Quello che è successo l’ho raccontato” ha dichiarato l’uomo, che al momento risulta indagato per omicidio.

Omicidio Ardea, indagato il figlio della 68enne trovata morta: la sua versione

L’uomo è stato ascoltato dai carabinieri e risulta indagato per omicidio. Si tratta dell’ultima persona ad averla vista viva. Il suo cellulare è stato sequestrato. La donna, che aveva problemi di salute ed era su una sedia a rotelle, è stata trovata morta sul pavimento, in mezzo ad una pozza di sangue, con una vistosa ferita alla testa. Secondo quanto raccontato dal figlio, la mattina era passato a casa della madre per dirle che aveva prenotato delle medicine. Le ha fatto un caffrè e poi si è recato al lavoro. Ha scoperto quello che era successo nel pomeriggio, avvertito dalla badante, che ha trovato il corpo della donna.

Omicidio Ardea, indagato il figlio della 68enne trovata morta: trovata dalla badante

La badante della donna l’ha trovata morta in casa. Quando ha visto il corpo ha iniziato ad urlare e sono state proprio le sue urla ad allarmare un vicino di casa, che ha chiamato il 112. Da una prima ispezione del medico legale è emerso che la 68enne aveva una vistosa ferita alla testa, che ha insospettito gli inquirenti. Per questo la Procura di Velletri ha deciso di aprire un fascicolo per omicidio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli