Il figlio di Grillo indagato per violenza sessuale

Ciro Grillo

"Violenza sessuale di gruppo". E' pesantissima l'accusa cui dovrà rispondere il 19enne Ciro Grillo - figlio di Beppe, il comico genovese fondatore del Movimento 5 Stelle - indagato assieme a tre amici per aver abusato di una modella di origini scandinave incontrata in discoteca. Lo riportano "La Stampa" e "Il Secolo XIX".

I fatti si sarebbero svolti in Sardegna, in Costa Smeralda. Una serata in un locale da ballo, forse qualche bicchiere di troppo, e la conclusione nella villa di Beppe Grillo a Porto Cervo, dove si sarebbe consumata la violenza.

E' stata la ragazza a denunciare l'episodio. Ora la procura di Tempio Pausania avrebbe aperto un fascicolo per violenza sessuale di gruppo. Indagati, oltre a Ciro Grillo, anche tre amici genovesi del 19enne campione italiano di savate, in Sardegna per trascorrere le vacanze. Si tratta, come riporta "La Stampa", di Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

"Faremo presto, a garanzia degli indagati e della parte offesa". È questo l'unico commento di Gregorio Capasso, capo della Procura di Tempio Pausania, ai microfoni dell’Ansa

LEGGI ANCHE: Grillo a Di Maio: Luigi, basta con i punti della Standa

Nei giorni scorsi, i carabinieri di Milano hanno perquisito i ragazzi in cerca di indizi sulla vicenda. Gli investigatori avrebbero acquisito anche un video che sarebbe la prova più importante dell'inchiesta.

Secondo la versione dei ragazzi, il rapporto sessuale sarebbe stato consenziente. Il gruppo è stato ascoltato per ore dal pm titolare del fascicolo, Laura Bassani, pubblico ministero della Procura di Tempio Pausania.

LEGGI ANCHE: Beppe Grillo a Luigi Di Maio: “Devi prenderti un anno sabbatico”