Il film d'amore secondo Clint Eastwood

·3 minuto per la lettura
I ponti di Madison County: frasi e finale del film su Netflix
I ponti di Madison County: frasi e finale del film su Netflix

I ponti di Madison County è su Netflix!

Finalmente, anche i milioni di abbonati alla piattaforma streaming potranno godere della visione di questo “piccolo” gioiello.

Prodotto, diretto e interpretato da quell’autentica leggenda del cinema che risponde al nome di Clint Eastwood.

La pellicola del 1995, costata 22 milioni di dollari, fu un grande successo al botteghino arrivando a incassare 182 milioni in tutto il mondo.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Robert James Waller, fu molto apprezzato anche dalla critica e ottenne due nomination all’Oscar, una per l’interpretazione della Streep e l’altra per la regia di Eastwood.

I ponti di Madison County è stato inserito nell’AFI’s 100 Years…100 Passions che include i 100 migliori film romantici della storia del cinema statunitense.

Il cast di I Ponti di Madison County

Il film è giocato sostanzialmente su un classico duetto, ovvero, due personaggi principali che sorreggono la vicenda cardine della narrazione.

Un lui, Clint Eastwood (Gran Torino), che interpreta il fotografo Robert Kincaid. E una lei, Meryl Streep (La scelta di Sophie), nei panni della casalinga Francesca Johnson.

Annie Corley (Malcolm X) e Victor Slezak (The Glorias), interpretano rispettivamente Caroline e Michael Johnson, i figli di Francesca.

Mentre Jim Haynie (Fuga da Alcatraz) è Richard Johnson, il marito della donna.

La trama del film

I figli di Francesca Johnson, alla morte della donna, ricevono in eredità i diari e alcuni suoi oggetti significativi.

Leggendo questi diari scoprono che la madre, al tempo in cui erano degli adolescenti, ebbe una breve ma assai intensa storia d’amore con un fotografo arrivato nella contea di Madison per immortalare i famosi ponti coperti.

Andando avanti con la lettura di quelle pagine i figli avranno la possibilità di capire veramente loro madre e imparare qualcosa…

Le frasi e il finale di I ponti di madison County

Francesca:”Mi rendevo conto che l’amore non obbedisce alle nostre aspettative, è mistero puro e semplice…

Robert:”I vecchi sogni erano bei sogni… Non si sono avverati… comunque li ho avuti“.

I ponti di Madison County è uno dei titoli che meglio rende lo spessore del cinema di Clint Eastwood.

Un autore che nell’arco di cinquant’anni di mirabile carriera ha saputo arrivare al cuore delle persone affrontando temi e generi molto diversi tra loro.

I ponti di Madison County è una pellicola destinata all’eternità, equilibrata, armoniosa, dove ogni aspetto è stato curato e reso credibile.

Troppo spesso, purtroppo, nel film sentimentali regna la banalità, qui, invece, ci troviamo di fronte a un’opera originale, autentica e non convenzionale.

La sceneggiatura scritta da Richard LaGravenese (La leggenda del re pescatore) è stata un solidissimo punto di partenza da cui iniziare.

Eastwood dimostra ancora una volta di avere grande “fiuto” nella scelta delle storie che più lo toccano dentro, dove sa di poter incidere con la sua visione.

Basti pensare all’elemento dei figli lontani dai genitori (Million Dollar Baby, Un mondo perfetto, Il corriere, Gran Torino, Changeling, Mystic River…),

oppure alla testimonianza dei morti attraverso oggetti, lettere, diari (Flags Of Our Fathers, Lettere da Iwo Jima, Gran Torino, Hereafter…)

Il finale, con un dilemma molto forte che ne racchiude il significato, è struggente e indimenticabile.