Il filosofo non ci sta: "Salvini al governo non avrebbe fatto danni"

·1 minuto per la lettura
Cacciari Salvini
Cacciari Salvini

Ospite al programma condotto da Lilli Gruder Otto e Mezzo, il filosofo Massimo Cacciari ha sbottato in diretta, commentando l’operato dell’esecutivo e difendendo Matteo Salvini: “Non è vero che con Salvini al governo ci sarebbe stata un’epidemia”.

Cacciari difende Salvini

Il filosofo Massimo Cacciari è intervenuto come ospite a Otto e mezzo, programma condotto da Lilli Gruber, e questa volta ha voluto difendere Matteo Salvini da accuse gratuite.

Il docente universitario ha attaccato l’operato del governo durante l’epidemia, e chi ha voluto screditareil leader della Lega: “Il governo deve finirla con queste putt***te secondo cui se ci fosse stato Matteo Salvini a Palazzo Chigi ci sarebbe stata un’ecatombe. Frase che ricordiamo esser stata pronunciata qualche giorno prima dal segretario Pd Nicola Zingaretti.

Questione di potere

Nel corso della puntata, l’ex sindaco di Venezia Cacciari si è mostrato contraio alla proroga dello stato d’emergenza voluta da Conte: “Si dovrebbe votare oggi. È mai possibile che c’è bisogno di uno stato di emergenza dal punto di vista politico ed istituzionale per dire alla gente di mettere la mascherina? Ma scherziamo? Tutto passa dalla presidenza del Consiglio per una mascherina. Da 30 anni a questa parte ogni volta che viviamo un’emergenza si verifica un accentramento di potere”, ha concluso con la sua classica verve dialettica il filosofo.