Il Financial Times incorona Lego come "vincitore della pandemia"

·2 minuto per la lettura

AGI - Vendite e ricavi record per la Lego nella prima parte dell'anno, e il Financial Times incorona il gruppo danese come "uno dei vincitori della pandemia". Lego ha cementato la sua posizione come il più grande produttore di giocattoli del mondo dopo aver più che raddoppiato (+140%) il suo utile netto, a oltre 6,3 miliardi di corone (847 milioni di euro) e raggiunto un fatturato di 23 miliardi di corone (+46%). Anche se i suoi ricavi sono stati 'solo' il 50% più alti del numero due del settore - Transformers e My Little Pony di Hasbro - l'utile netto di Lego è stato 10 volte maggiore.

"La nostra performance è stata guidata da una forte domanda per la nostra gamma", ha detto il ceo del gruppo Niels B. Christiansen nella relazione finanziaria. I kit Lego City, Star Wars, Harry Potter, Lego Creator Expert e Lego Technic sono stati i più popolari tra gli acquirenti. Per l'amministratore delegato, una delle ragioni dell'eccezionale crescita è stata "l'allentamento delle restrizioni Covid rispetto al 2020, dato che le fabbriche hanno operato senza interruzioni e la maggior parte dei negozi al dettaglio hanno riaperto". 

Durante il semestre, sono stati aperti 60 nuovi negozi, di cui 40 in Cina, portando il numero totale di negozi nel mondo a 737, di cui quasi 300 nel mercato cinese, e l'e-commerce è fiorito con un aumento del 50% delle vendite online. Tuttavia, ci si aspetta che l'impennata delle vendite rallenti un po' in seguito, dato che i consumatori tornano alle "abitudini di shopping pre-pandemiche", ha aggiunto il ceo.

Lego si è ripresa dal quasi collasso finanziario del 2003 per diventare l'azienda più forte dell'industria dei giocattoli, nonostante tutto sia incentrato su un'idea - il mattoncino di plastica - piuttosto che le centinaia di prodotti che compongono i cataloghi dei rivali quotati Hasbro e Mattel. Ha goduto della sua più forte crescita in cinque anni nel 2020. Christiansen, che è subentrato dopo una piccola flessione nella crescita di Lego nel 2017, ha investito pesantemente in linee di prodotti come Monkie Kid, il primo dell'azienda a essere basato sulla cultura cinese, e i set Lego che sfumano la linea tra fisico e digitale.

Ha anche scommesso sui negozi a marchio proprio, aprendone centinaia in tutta la pandemia. Recentemente ha aperto un nuovo flagship store a New York che mira non solo a vendere set Lego come Super Mario, City o Harry Potter, ma anche a creare un'esperienza per i clienti con modelli su larga scala della città ed esperienze interattive.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli