Il 'Fiumicino Jazz Festival' al Museo del Saxofono

(Adnkronos) - Due settimane di musica per la seconda edizione del 'Fiumicino Jazz Festival' al Museo del Saxofono. Dopo l'esordio con il duo composto da Stefania Tallini al pianoforte e Franco Piana al flicorno e il concerto 'My heart for art' di Giampaolo Ascolese, la seconda parte della rassegna propone venerdì nei giardini del Museo del Saxofono la cantante e songwriter norvegese Nina Pedersen, artista che ama combinare la tradizione con il moderno come nel suo primo disco 'Songs from the top of the World'; ad accompagnarla sul palco saranno Pierpaolo Principato al pianoforte, Marco Loddo al contrabbasso, Giampaolo Scatozza alla batteria e Paolo Innarella a sassofoni e flauto.

L'appuntamento di sabato celebra il ritorno del 'Maurizio Giammarco Reunion Quartet' composto da Maurizio Giammarco ai sassofoni, Luca Mannutza al pianoforte, Francesco Puglisi al contrabbasso e Marcello Di Leonardo alla batteria. Domenica chiusura al Birrificio agricolo 'Podere 676' in località Testa di Lepre, per l'incontro fra due musicisti di fama internazionale: il sassofonista, arrangiatore e direttore d'orchestra Red Pellini e il clarinettista Bepi D’Amato.

"Il 'Fiumicino Jazz Festival' è una delle innumerevoli iniziative artistiche e culturali organizzate dal Museo del Saxofono, unico al mondo nel suo genere - sottolinea il suo direttore Attilio Berni all'AdnKronos - Siamo nati come Scuola di Musica e da lì è nato e si è sviluppato il desiderio di condividere la passione per questo strumento e proporlo a un pubblico sempre più vasto, soprattutto ai giovani e ai turisti, italiani e stranieri. In vetrina esponiamo 412 strumenti sul totale di 636 in nostro possesso; alcuni sono pezzi davvero rari, che hanno fatto la storia della musica jazz nel mondo".

(di Enzo Bonaiuto)