Il fondo di investimento RedBird acquista il Milan da Elliott

no credit

AGI - Mancava solo l'ufficialità, che ora è arrivata: il Milan cambia proprietario, con Elliott che ha ceduto la maggioranza del club a RedBird. Il diavolo campione d'Italia è stato valutato 1,2 miliardi, con il passaggio alla nuova proprietà che avverrà nel corso dell'estate, e il closing previsto entro settembre. L'accordo prevede che Elliott mantenga una partecipazione finanziaria di minoranza, nonché propri rappresentanti nel consiglio di amministrazione del Milan.

Un passaggio di testimone, dunque, da fondo americano a fondo americano. ll club rossonero era stato rilevato da Elliott a luglio 2018 per l'inadempienza del cinese Li Yonghong, che l'anno prima aveva preso il club dalla Fininvest con una società creata proprio per l'acquisto del Milan. E ora è arrivato RedBird, con il suo fondatore Gerry Cardinale, ex banchiere di Goldman Sachs. Esattamente come Elliott, il nuovo proprietario del club rossonero è un fondo di investimento americano, fondato nel 2014, con un capitale di 4,5 miliardi di dollari.

La priorità annunciata da RedBird "è di proseguire il lavoro con l'area sportiva e il management del Club per dare continuità al percorso del Milan, puntando a un ritorno ai vertici del calcio mondiale". Mentre Cardinale ha sottolineato: "Siamo onorati di essere parte dell'illustre storia di AC Milan e ci entusiasma la prospettiva di poter scrivere il prossimo capitolo del club proprio nel momento in cui è tornato a occupare la meritata posizione ai vertici nel campionato italiano con lo sguardo ai futuri traguardi a livello europeo e mondiale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli