Il Forte di Lahore: avvolto nel mito e tra i più visitati ancora oggi

forte di lahore

Il Forte di Lahore ha origini antichissime e tutt’ora sconosciute. Rimase in rovina per molti anni prima di essere demolito e ricostruito nella sua interezza a metà del 1500, durante il periodo Akbar. Si trova nella città murata di Lahore: il Forte è uno delle mete preferite tra i molti turisti che visitano il Pakistan.

Molti miti e leggende circondano le sue origini; tuttavia, secondo i documenti storici arrivati ad oggi, vi era un vecchio masso di fango eretto sul sito nell’undicesimo secolo. Il forte che si trova oggi è il prodotto di secoli di modifiche, a cominciare dal sovrano Akbar il Grande nel 1566.

Akbar ha usato mattoni per erigere il suo nuovo forte. Col passare del tempo, furono aggiunti nuovi palazzi e giardini. Diede anche l’ordine di costruire tre magnifiche porte; una di queste porte, la Porta dei Masti, è permanentemente chiusa e fuori uso. La Porta Alamgiri, costruita nel 1674 e un tempo ingresso privato, oggi è utilizzata come ingresso principale.

forte di lahore

Il Forte di Lahore, costruito nei secoli

Nel 1612, il forte ricevette un’altra serie di restauri. Una di queste alterazioni era l’aggiunta di elementi cristiani; contrariamente, Akbar preferiva mescolare elementi musulmani e indiani. Un’altra importante aggiunta fu il “Picture Wall”, che fu costruito per volere dell’imperatore Jahangir. Il muro era riccamente decorato, composto da centinaia di pannelli e innumerevoli piastrelle, e fu terminato dopo il regno di Jahangir.

Shah Jahan, suo figlio, salì al trono e lasciò il suo segno sul Forte nella forma della grande sala delle udienze. A seguire Shah fu Aurangzeb, che aggiunse nuove torri e altre aggiunte che sopravvivono ancora oggi. Per centinaia di anni sono stati effettuati lavori di ristrutturazione e ampliamenti mentre si svolgevano anche delle battaglie. I Durrani presero il forte da Mughals ma poi lo persero. L’Era Sikh, che durò fino al 1849, fu un periodo importante della sua storia.

forte di lahore

Il Forte di Lahore: Patrimonio Unesco dal 1981

Durante la battaglia di Gujrat, il 21 febbraio 1849, le forze della Compagnia delle Indie Orientali riuscirono a sopraffare l’esercito Sikh e costringerlo a consegnare il forte un tempo residenza privata di Ranjit Singh, l’uomo che creò l’impero Sikh. Nel loro periodo di permanenza al forte, anche i Sikh lasciarono la loro impronta architettonica, aggiungendo un nuovo padiglione.

Il progetto generale del forte è diviso in due parti, una residenziale e una amministrativa. Entrambi sono meravigliosi. La sezione residenziale presenta un cancello – noto come The Elephant Gate – che conduce al “Mirror Palace”, noto anche come Shish Mahal. Questo palazzo fu costruito nel 1631 per onorare l’imperatrice.

L’area totale del sito è di circa 50 acri e ha approssimativamente la forma di un trapezio. È dotato di tre musei per offrire ulteriori informazioni ai turisti in visita. Uno di questi musei è la Sikh Gallery, che offre una mostra di dipinti antichi e originali di valore storico. Gli altri due sono la Galleria Armeria e la Galleria Mughal.

La Galleria dell’Armeria offre uno spaccato della storia del luogo esibendo armi originali come spade e lance, mentre la Galleria Mughal mostra monete e vecchi manoscritti incisi con una magnifica calligrafia. Anche se alcuni degli affreschi sono sbiaditi e deteriorati, riescono a dare lo stesso l’idea di come appariva il forte al suo meglio. Il Forte di Lahore è patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1981.