Il funerale di Liliana Resinovich

·2 minuto per la lettura
Liliana Resinovich
Liliana Resinovich

Il funerale di Liliana Resinovich si terrà il 25 gennaio, come stabilito dalla sua famiglia e dal marito Sebastiano Visintin. Le indagini vanno avanti.

Liliana Resinovich, stabilita la data del funerale: si terrrà il 25 gennaio

Il funerale di Liliana Resinovich, ex dipendente della Regione Friuli Venezia Giulia, sparita da casa il 14 dicembre e trovata morta in un parco di Trieste, si terrà martedì 25 gennaio. La decisione è stata presa dalla famiglia. Questa mattina il fratello Sergio, la cugina Silvia e il marito Sebastiano Visintin si sono riuniti per prendere la decisione. Prima dell’arrivo in casa si sono dati appuntamento in un’impresa di pompe funebri. Dopo l’intervento della Procura, che ha vietato la cremazione del cadavere in quanto in futuro nuove piste potrebbero richiedere l’esumazione del cadavere, il fratello Sergio con la figlia Veronica e la cugina Silvia Radin chiedono la verità.

Liliana Resinovich, stabilita la data del funerale: “Non sono stati rilevati traumi da mano altrui”

Il corpo della donna di 63 anni è stato ritrovato il 5 gennaio a Trieste, in un’area boschiva abbandonata nei pressi dell’ex Opg, nel parco di San Giovanni. Secondo il medico legale, dall’autopsia “non sono stati rilevati traumi da mano altrui atti a giustificare il decesso“. L’esito dell’autopsia non convince gli investigatori, ma per gli esiti tossicologici bisognerà attendere ancora qualche settimana. Al momento non è stato aperto un fascicolo di indagine per omicidio. La Procura, vista la situazione, ha deciso di vietare la cremazione del cadavere perché in futuro, se dovessero uscire nuove piste, potrebbe essere necessaria l’esumazione del cadavere.

Liliana Resinovich, stabilita la data del funerale: la vicenda

Liliana Resinovich è scomparsa da casa il 14 dicembre scorso. Quella mattina doveva raggiungere l’amico Claudio Sterpin, ma lo aveva avvisato che avrebbe ritardato perché doveva passare da un negozio di telefonia, in cui però non è mai stata. L’ultima ad averla vista è stata una commerciante della zona. In casa sono stati ritrovati due cellulari e una borsa. Le indagini vanno avanti nella speranza di chiarire quello che è accaduto alla donna.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli