Il futuro della mobilità nella 1ª stagione del podcast Hyundai "Are We There Yet?"

Hyundai ha completato la prima stagione del suo primo podcast "Are We There Yet?". In ogni episodio la presentatrice di motorsport e tecnologia Suzi Perry invita le personalità più brillanti dietro al brand a condividere le loro storie e le idee rivoluzionarie che emergono dalle officine, dai laboratori e dai circuiti di prova di Hyundai. L'idea alla base del podcast è infatti mettere sotto i riflettori le persone che lavorano per il brand.

La stagione ha trattato argomenti tra cui la vision dell’azienda, il futuro delle soluzioni di mobilità, la sostenibilità, la tecnologia delle celle a combustibile ad idrogeno, l'elettrificazione della mobilità e del motorsport, e di Cradle, la società di corporate venturing e open innovation di Hyundai. «Con Are We There Yet? volevamo dare al nostro pubblico una conoscenza più approfondita delle persone che lavorano nelle diverse aree di Hyundai.

Oltre a offrire una piattaforma per veicolare i messaggi chiave generali di Hyundai, il nostro podcast aziendale offre alle personalità che sono dietro a Hyundai e alle loro storie personali uno strumento per raggiungere un pubblico più ampio» ha affermato Andreas-Christoph Hofmann, Vicepresidente marketing and product di Hyundai Europa. «Anche se lavorare a distanza e coordinarsi con differenti fusi orari è stato molto sfidante, il crescente interesse per la fruizione dei contenuti audio ci ha permesso di utilizzare la piattaforma podcast come uno strumento personale di comunicazione. Questo passaggio ai formati digitali sottolinea anche l'impegno di Hyundai verso l’innovazione». La prima stagione di Are We There Yet? è live e disponibile per gli ascoltatori su Spotify, Apple, Google, Podcasts, Stitcher, Acast e altre piattaforme di streaming podcast.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli