Il gallo è solo del Chianti, sventato lo "scippo"

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Chianti (Photo: Ansa)
Chianti (Photo: Ansa)

Il simbolo del gallo non può essere usato per identificare altri vini se non il Chianti. Lo ha deciso il Tribunale dell’Ue, che ha confermato la decisione con cui l’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) aveva respinto la richiesta di registrazione di un marchio simile. “Tenuto conto dell’immagine di eccellenza e di prestigio associata al marchio anteriore del vino Chianti - spiega in una nota il Tribunale - l’uso del marchio richiesto poteva generare un indebito vantaggio” a favore della società richiedente.

“Giù le mani dal Made in Italy. La decisione di oggi riconosce e tutela le nostre eccellenze e sventa un pericoloso tentativo di appropriarsi dei nostri marchi storici” commenta il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio. “Nel respingere la richiesta di registrazione di un marchio simile - prosegue Centinaio - il Tribunale dell’Unione europea ha giustamente evidenziato che l’immagine di eccellenza e di prestigio a esso associata avrebbe generato un indebito vantaggio a favore della società richiedente. Un precedente importante - sottolinea il sottosegretario al Mipaaf - per la tutela anche futura dei nostri prodotti all’interno dei confini europei. Siamo e saremo sempre in prima linea nel contrastare fenomeni come l’italian sounding e il parassitismo commerciale, che arreca al nostro agroalimentare un danno di miliardi di euro ogni anno. Fenomeno ancora più grave adesso che anche il settore vitivinicolo è stato fortemente penalizzato dagli effetti della pandemia”, conclude Centinaio.

Lo stop al falso Chianti è importante in una situazione in cui sul mercato globale le imitazioni dei prodotti agroalimentari Made in Italy hanno superato il valore di 100 miliardi nell’anno del Covid, afferma la Coldiretti. Nel mondo si stima che più 2 prodotti agroalimentari M...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.