Il gelato ricongelato fa male: ecco perché

Gelato (Photo by Massimiliano Donati/Awakening/Getty Images)

Durante l’estate, un gelato fresco e dolce è il dessert perfetto da consumare a fine pasto, sia a pranzo, sia a cena. Dopo aver mangiato del gelato in vaschetta , spesso capita di lasciarlo a tavola per un po’ di tempo, e quando ci si accorge che si sta sciogliendo, viene automatico poi rimetterlo in freezer per conservarlo e mangiarne ancora in un secondo momento.

Oppure ancora, quando si estrae la confezione dal freezer, alcune persone sono solite lasciare la vaschetta a temperatura ambiente per far scongelare il gelato e consumarlo una volta diventato più morbido.

Entrambi questi gesti abituali sono assolutamente sconsigliati dagli esperti, poiché potrebbero rappresentare un serio rischio per la salute. La miscela di latte, zucchero e liquidi è infatti un ambiente perfetto per la proliferazione dei batteri.

Secondo Amreen Bashir, docente di scienze biomediche presso la Aston University del Regno Unito, molte persone non si rendono conto che i dolci possono essere un pericolo.

I batteri coinvolti

I batteri che possono colpire sono la Salmonella, l’E. coli e la Listeria, che sono particolarmente attivi con le temperature calde dei giorni d’estate.

Sintomi della contaminazione del gelato

Quando si consuma cibo contaminato il nostro corpo reagisce con sintomi come:

  • crampi allo stomaco;

  • diarrea;

  • vomito;

  • nausea;

  • perdita di appetito.

Attenzione anche al cucchiaio sporco

Il gelato si scioglie rapidamente alla temperatura ambiente e i suoi ingredienti sono molto amati dai batteri. Anche utilizzare un cucchiaio sporco può rappresentare un pericolo concreto a causa di una contaminazione dei batteri.

Come evitare rischi

Il consiglio per prevenire problematiche del genere è dunque quello di prendere la quantità di gelato desiderata e reintrodurne la confezione subito nel freezer, senza attendere che si sciolga, e di usare un cucchiaio pulito.

La listeriosi

La listeriosi è un’infezione rara causata da un battere chiamato listeria. Di solito l’infezione si risolve da sola, ma può provocare problemi seri per chi è vulnerabile, come persone anziane, donne in gravidanza, pazienti che soffrono di diabete o persone con un sistema immunitario debole.