Il ghiaccio dell'Antartide assorbe sempre più sostanze chimiche

ZUMAPRESS.com / AGF

AGI - Le tossiche "sostanze chimiche persistenti" sono aumentate notevolmente nell'ambiente remoto dell'Antartide negli ultimi decenni e gli scienziati ritengono che i sostituti dei CFC potrebbero essere tra le probabili fonti.

In questo nuovo studio, pubblicato dalla rivista Environmental Science & Technology, e condotto da scienziati della Lancaster University, nel Regno Unito, insieme a ricercatori del British Antarctic Survey e dell'Hereon Institute of Coastal Environmental Chemistry, in Germania, sono state prelevate carote di firn (neve compattata) dall'altopiano ghiacciato della Dronning Maud Land nell'Antartide orientale.

Conosciute come "sostanze chimiche persistenti" perché non si decompongono naturalmente nell'ambiente, sostanze chimiche come gli acidi perfluorocarbossilici (PFCA) hanno una vasta gamma di usi come nella produzione di rivestimenti antiaderenti per pentole o idrorepellenti per indumenti.

Una di queste sostanze chimiche, l'acido perfluoroottanoico (PFOA), si bioaccumula nelle reti alimentari ed è tossica per l'uomo con collegamenti alla compromissione del sistema immunitario e all'infertilità.

I livelli di questi inquinanti chimici hanno mostrato un marcato aumento nel manto nevoso remoto dell'Antartide tra il 1957 e il 2017. La sostanza chimica di gran lunga più abbondante scoperta è stata il composto a catena più corta, l'acido perfluorobutanoico (PFBA).

Le concentrazioni di questa sostanza chimica nelle carote di neve sono aumentate in modo significativo dal 2000 circa fino a quando la carota è stata prelevata nel 2017.

Il professor Crispin Halsall della Lancaster University, che ha condotto lo studio, ritiene che questo aumento possa essere in parte spiegato da un cambiamento da parte dei produttori di sostanze chimiche globali circa 20 anni fa dalla produzione di sostanze chimiche a catena lunga come il PFOA a composti a catena più corta, come il PFBA, a causa di problemi di salute associati all'esposizione umana al PFOA.

"Questo è un altro esempio di come, nonostante la sua estrema lontananza, l'inquinamento causato dall'uomo raggiunge il continente antartico e viene poi archiviato nella neve e nel ghiaccio, il che consente noi per stabilire una storia dell'inquinamento atmosferico globale e dell'efficacia delle misure di mitigazione", ha dichiarato Markus Frey, scienziato del British Antarctic Survey e coautore del rapporto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli