Il Giappone si piega al Covid, Olimpiadi Tokyo 2020 senza spettatori

·2 minuto per la lettura
TOPSHOT - An employee is seen among Olympic Rings and Tokyo 2020 mascots at the Japan Olympic Museum in Tokyo on July 8, 2021. (Photo by Philip FONG / AFP) (Photo by PHILIP FONG/AFP via Getty Images) (Photo: PHILIP FONG via Getty Images)
TOPSHOT - An employee is seen among Olympic Rings and Tokyo 2020 mascots at the Japan Olympic Museum in Tokyo on July 8, 2021. (Photo by Philip FONG / AFP) (Photo by PHILIP FONG/AFP via Getty Images) (Photo: PHILIP FONG via Getty Images)

Il Giappone deve arrendersi a una prima importante concessione all’emergenza pandemica: alle Olimpiadi di Tokyo 2020 non ci saranno spettatori. Lo ha annunciato il ministro con delega ai Giochi Olimpici, Tamayo Marukawa.

Il Governo giapponese ha indetto lo stato di emergenza per l’area di Tokyo fino al 22 agosto, nel bel mezzo a una nuova ondata di contagi, gettando un’ombra sui Giochi olimpici, in programma dal 23 luglio all′8 agosto. Il ministro dell’Economia, Yasutoshi Nishimura, che sta gestendo la risposta del governo al coronavirus, ha affermato che lo stato di emergenza inizierà il 12 luglio.

Nel formalizzare l’estensione del ‘quasi’ stato di emergenza per la capitale Tokyo e le tre prefetture adiacenti di Chiba, Kanagawa, Saitama, oltre alla prefettura di Osaka, il premier Suga ha aperto all’eventualità di una possibile revoca anticipata se la situazione sui contagi dovesse migliorare.

Il nuovo provvedimento entrerà ufficialmente in vigore da lunedì, ma di fatto estende le misure già esistenti, che obbligano le attività commerciali - tra cui bar e ristoranti - ad anticipare gli orari di chiusura e vietano la vendita di alcool dopo le 19:00. In altre cinque prefetture dell’arcipelago - Aichi, Hokkaido, Kyoto, Hyogo e Fukuoka - il quasi stato di emergenza verrà abolito, mentre nell’isola di Okinawa le disposizioni saranno più stringenti per via delle criticità presenti nel sistema ospedaliero. Si tratta del quarto stato di emergenza dall’inizio della pandemia per la capitale, a fonte del progressivo aumento delle positività, ormai per il 19/mo giorno consecutivo.

La decisione coincide inoltre con l’arrivo a Tokyo del presidente del Comitato Olimpico internazionale (Cio), Thomas Bach, atterrato nella mattina di oggi all’aeroporto di Haneda. In serata Bach discuterà online con la presidente del comitato organizzatore, Seiko Hashimoto, e la governatrice Yuriko Koike, per aggiornare la nuove direttive che riguardano i limiti di accesso agli spettatori locali consentiti durante le gare.Nelle ultime 24 ore la capitale ha registrato 896 nuovi casi di coronavirus, il 26,9% in più rispetto alla media giornaliera degli ultimi sette giorni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli