Il giorno più nero di Conte: l'Ue lo accerchia sulla manovra, bocciatura forse la prossima settimana

Angela Mauro
Italian Prime Minister Giuseppe Conte arrives for the second day of a European Union leaders summit at the European Council in Brussels on October 18, 2018. - European Union leaders meet for a summit focused on migration and internal security, after reviewing the state of the Brexit negotiations with Britain. (Photo by François WALSCHAERTS / POOL / AFP) (Photo credit should read FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP/Getty Images)

Paradossalmente, nel giorno più nero per il governo gialloverde, Giuseppe Conte prova a recuperare un ruolo politico. "Sono io il presidente del consiglio", dice in conferenza stampa a Bruxelles annunciando la decisione di convocare un consiglio dei ministri sabato mattina. Checché ne dica Matteo Salvini. Urgente dirimere la questione decreto fiscale che ha causato la prima vera guerra nel governo Lega-M5s proprio nel primo giorno cruciale dello scontro tra Roma e Bruxelles sui conti pubblici. Luigi Di Maio e Salvini hanno rotto mentre Conte si trovava faccia a faccia con gli altri leader europei arrabbiati per la manovra economica italiana. E qui nei palazzi dell'Unione è arrivata dall'Italia l'immagine di un governo sovranista ma evidentemente debole: perfetto per la manovra di accerchiamento europea che potrebbe portare ad una bocciatura del documento programmatico di bilancio la prossima settimana.

L'accerchiamento incredibilmente è scattato oggi. Con una regìa perfetta. Solo ieri qui a Bruxelles nessuno avrebbe scommesso che la lettera della Commissione Europea con la richiesta di chiarimenti all'Italia sulla previsione di deficit al 2,4 per cento sarebbe arrivata oggi. E invece sì: è arrivata a Roma con Pierre Moscovici, che l'ha portata personalmente al ministro del Tesoro Giovanni Tria e poi in serata da Sergio Mattarella al Quirinale. E' stata pubblicata sul sito della Commissione: il primo 'alt' di Palazzo Berlaymont verso l'Italia è diventato ufficiale proprio mentre a Bruxelles erano riuniti tutti i leader per il consiglio europeo, per l'Eurosummit e mettiamoci anche il vertice Europa-Asia che inizia stasera.

E Conte si è ritrovato da solo.

"La lettera non la riceverà solo l'Italia ma anche altri paesi". Il premier cerca di sminuire la portata della missiva europea. "E' prassi riceverla, immagino esprimerà seria preoccupazione in riferimento alla deviazione per quanto riguarda il rapporto deficiti-pil". Mentre parla in conferenza...

Continua a leggere su HuffPost